Tasse universitarie aumentate, soffrono studenti e famiglie

Tasse universitarie aumentate, soffrono studenti e famiglie

da Tommaso Bori e Sarah Bistocchi
(Consiglieri comunali PD Perugia)
Stiamo seguendo con molta attenzione e una buona dose di preoccupazione quello che sta accadendo alla popolazione studentesca nella nostra città: purtroppo gli iscritti agli atenei e agli istituti di formazione universitaria di Perugia, in questi giorni di rinnovo dell’iscrizione, stanno avendo delle brutte sorprese del tutto inaspettate.
Molti studenti, infatti, si sono ritrovati un pesante ed immotivato aumento delle tasse universitarie rispetto allo scorso anno: senza alcun aumento del reddito familiare hanno subito uno scatto nelle fasce di pagamento, causato dal cambiamento del calcolo dell’ISEE, senza una conseguente riforma del sistema di tassazione e degli importi delle rate.
Altri studenti ancora, a loro insaputa, hanno perso la borsa di studio, l’alloggio nei collegi universitari e l’accesso alla mensa che avevano garantiti fino allo scorso anno, senza alcuna variazione del loro stato reddituale, ma solamente per un ricalcolo burocratico dell’ISEE.
L’esito di questa amara sorpresa si sfoga tutto sulla pelle degli studenti e delle loro famiglie: si rischia di costringere molti giovani ad abbandonare gli studi per l’aumento improvviso dei costi o l’esclusione dai servizi agli studenti. Questo, oltre a ledere il principio costituzionale del diritto allo studio, porterà un ulteriore danno alla città di Perugia sul piano della vitalità sociale e culturale, ma vorremmo sottolineare con fermezza che anche il forte danno all’economia cittadina non va sottovalutato.
Ci auguriamo che sia le istituzioni locali sia quelle universitarie stiano seguendo l’evolversi della situazione con la stessa attenzione e preoccupazione che abbiamo noi. Ma soprattutto che prendano le dovute contromisure per evitare inconvenienti a carico della popolazione studentesca e della città di Perugia.

I Consiglieri comunali PD

Tommaso Bori
Sarah Bistocchi

Tasse universitarie aumentate

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*