Tamburi, Realtà Popolare, un momento di solidarietà che non possiamo perdere.

Tamburi, Realtà Popolare, un momento di solidarietà che non possiamo perdere.
Giampiero TAMBURI

Tamburi, Realtà Popolare, un momento di solidarietà che non possiamo perdere.

Un momento di solidarietà che non possiamo perdere. Non vorremmo essere arrivati a tanto ma, purtroppo, le circostanze dei fatti accaduti ci impongono un momento di solidarietà e di riflessione su quello che è accaduto ad un nostro concittadino.

La morte che ha incontrato Loredano Maranini in questo malaugurato incontro con chi ha dei comportamenti che mostrano sistematiche e croniche negligenze per i diritti e le sensibilità altrui non può farci restare indifferenti ed insensibili ai problemi di sicurezza che ha la nostra città.

Molto spesso, nella rabbia e nell’angoscia che ci prende per questi episodi di “criminalità”, che alcuni insistono a definirla “microcriminalità”, come se i danni che procura, financo alla soppressione di vite umane, fossero non tanto dannosi per la collettività, prendiamo delle posizione errate nei confronti di chi cerca di tutelarci e di farci vivere una vita migliore.

Mi riferisco alla Forze dell’Ordine ed alla Magistratura che, nel loro agire per far rispettare le leggi, hanno dei limiti e degli obblighi imposti nel dover garantire, aldilà di dare le giuste punizioni, sempre una dignità in un giusto valore umano ha chi ha commesso errori offendendo la dignità degli altri.

Ma pur capendo questo, come Associazioni di rappresentanza dei cittadini oltre che avere l’obbligo morale di partecipare a questi momenti di lutto, nello stesso tempo, abbiamo la responsabilità, attraverso le Istituzioni che ci governano, di chiedere che sia fatto tutto il possibile per mettere in atto adeguati mezzi che possano evitare questi intollerabili fatti, nella massima misura possibile, rendendo le nostre strade, le nostre case, i nostri esercizi commerciale e quant’altro indispensabile, sicuri per una necessaria crescita del nostro benessere, sia materiale che sociale.

solidarietà

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*