Unipegaso

Strutture per animali randagi, ordine del giorno di Bistocchi e Bori

Un progetto, questo, previsto sin dal 2012 dal Comune di Perugia, da sempre attento a questo tipo di problematiche

Strutture per animali randagi, ordine del giorno di Bistocchi e Bori

Strutture per animali randagi, ordine del giorno di Bistocchi e Bori

PERUGIA – Presentato oggi un ordine del giorno a firma dei Consiglieri Sarah Bistocchi e Tommaso Bori, per richiamare l’attenzione dell’Amministrazione sulle strutture destinate agli animali randagi e d’affezione presenti nel territorio comunale. Nello specifico, si chiede al Comune di fornire risposte certe in merito alle tempistiche, agli interventi ed alle risorse economiche necessarie a rendere finalmente operativo e fruibile il “Parco del Riposo”, ovvero un luogo dedicato in cui i conduttori potranno deporre le spoglie dei loro animali d’affezione.

Un progetto, questo, previsto sin dal 2012 dal Comune di Perugia, da sempre attento a questo tipo di problematiche.

Si vuole inoltre fare chiarezza sulle sorti delle altre due strutture, presenti nel nostro territorio e già operative, che necessitano di significativi interventi di riqualificazione. Si tratta del Parco Rifugio di Perugia – situato all’interno del Centro Ospitalità per Animali – il quale svolge una fondamentale funzione sociale di cura, tutela e conforto per gli animali randagi, favorendone l’adozione, e del canile sanitario di Collestrada, che si occupa invece della gestione delle popolazioni canine e feline di Perugia e comuni limitrofi, per favorirne e stimolarne una corretta convivenza tra conduttori e animali da compagnia.

“Con questo atto” – affermano i Consiglieri PD – “ci auguriamo sia possibile avere risposte concrete dal Sindaco e dalla Giunta, sia per quanto riguarda le tempistiche di realizzazione e riqualificazione di tali strutture, che per avere garanzie circa le condizioni igienico-sanitarie di tutte le strutture destinate agli animali randagi e d’affezione presenti a Perugia”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*