Stipendi consiglieri regionali, oltre cinquemila euro mensili, scoppia la polemica

Giuseppe Biancarelli (al centro), con il colleghi di partito (foto Facebook)

di Morena Zingales
“5.398: da ieri il mio conto corrente è stato accreditato di questa somma per le competenze di Consigliere regionale dal 10/6 (data della proclamazione) al 30/6. Provo un certo imbarazzo, considerato anche che in questo periodo non si è lavorato molto. A breve proporrò qualcosa di diverso, a partire da me stesso e senza cercare di impoverire nessuno”. Lo scrive in un post su Facebook il neo consigliere regionale Giuseppe Biancarelli (Umbria più Uguale). Post che ha scatenato la polemica sul social tra i mi piace, commenti e condivisioni di tanti.

facebook.com_giuseppe.biancarelliUn botta e risposta tra i cittadini che hanno letto. Tra questi leggiamo quello di un collega giornalista che dice. “Capperi. Se tutti gli uffici pubblici fossero così rapidi ed efficienti come l’ufficio che si occupa degli “stipendi”, saremmo a cavallo! Daje Peppe, cambia ‘sta politica! Almeno in Regione…”. Seguito dalla sua risposta: “Realisticamente penso che sia impossibile cambiare la politica, almeno su questo punto che non credo sia un dettaglio dell’agire. Tuttavia, dobbiamo provarci e, in ogni caso, salvarci come persone”.

In molti hanno apprezzato il contenuto del messaggio, alcuni con un po’ di ironia scrivono: “Se ti dovesse servire un autista, sono discreto e a disposizione. Saluti” oppure “Caro Peppe se continui cosi penso che tra poco ti servirà la scorta …visto che abitiamo vicino puoi contare su di me”. Tanti altri commenti, al momento oltre i 30, ma continueranno, perché l’argomento tocca tutti. Sapere che un consigliere regionale debba prendere così tanto al mese, è un offesa per chi lavora il doppio e prende meno della metà della metà della metà (600 euro circa al mese), per non parlare di chi un lavoro nemmeno ce l’ha.

6 Commenti su Stipendi consiglieri regionali, oltre cinquemila euro mensili, scoppia la polemica

  1. E per fortuna che in Regione hanno ridotto gli stipendi almeno così ci volevano far credere in campagna elettorale.Signor Biancarelli ne metta a disposizione metà per chi uno stipendio non ce l’ha ma credo si abituerà presto anche lei, fra un po’ non si sentirà più così a disagio e comincerà a pensare alle strategie giuste per essere rieletto alla prossima legislatura.

  2. Scusate, ma cosa c’entra il compenso del “politico” signor Biancarelli (perché di quello si tratta) con lo stipendio di un lavoratore della Regione? Come in ogni posto di lavoro, gli stipendi LORDI dei regionali (non dirigenti) vanno da 1300 a 2300 euro. Non so se il titolo e il contenuto del pezzo siano una forzatura giornalistica, ma se così non fosse, inviterei il signor Biancarelli, vista anche la sua estrazione politica, a porre maggiore attenzione alle informazioni (poco corrette) che mette in giro. Se poi il suo imbarazzo per il compenso, la soluzione c’è: potrebbe devolverlo in beneficienza. C’è tanta gente molto più bisognosa di lui che ne potrebbe trarre giovamento.

  3. Tutto giusto;ma il Consigliere Regionale in questo mese avrebbe potuto intanto metter su uno staff di collaboratori e presentare le prime analisi e le prime proposte.
    Scommetto che gia’ quando assumera’,come la legge gli permette,i primi portaborse tra “disoccupati”inesperti ed amici,questa simpatia verra’ velocemente a mancare.
    Non culliamoci solo su queste uscie antisistema.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*