Stazione Sant’Anna Perugia, Carla Spagnoli, chiusa la sala d’attesa!

Una "sala sicura" per gente ubriaca. Chi ci rimette sono i cittadini

Stazione Sant’Anna Perugia, Carla Spagnoli, chiusa la sala d’attesa!

Stazione Sant’Anna Perugia, Carla Spagnoli, chiusa la sala d’attesa! Da alcuni giorni la sala d’attesa della stazione di Sant’Anna a Perugia è stata chiusa al pubblico. Perché? Ci è stato segnalato da alcuni perugini che da tempo la sala era diventata una “casa sicura” per persone ubriache che andavano a dormire sulle panchine all’interno, lasciando come segni della loro presenza rifiuti, cattivi odori, sporcizie di ogni genere e persino vomito! Per queste ragioni Umbria Mobilità avrebbe deciso di chiudere, non si sa per quanti giorni, la sala d’attesa. Comprendiamo benissimo il disagio del personale che lavora alla stazione e che quotidianamente deve assistere a scene disgustose di ubriachi e balordi che sporcano e imbrattano la stazione: a questi onesti lavoratori va tutta la nostra solidarietà.

Questa decisione, però, va a colpire tutti quei cittadini, umbri e non solo, che per lavoro o per studio devono prendere quotidianamente il treno per venire a Perugia e tornare a casa! Queste persone, oggi, sono costrette ad aspettare l’arrivo del treno sotto il sole cocente, sottoposti ad ogni intemperia…

Chi ci pensa a questi cittadini? Perché tutti i pendolari debbono pagare per alcuni incivili? Invece di chiudere la sala d’attesa sarebbe necessario fare più controlli, attraverso telecamere di sorveglianza, e intervenire subito se c’è qualcosa che non va, rivolgendosi alle Forze dell’Ordine. I problemi si risolvono individuando i responsabili, non punendo indistintamente tutti! Purtroppo la questione degli ubriachi che si aggirano per la zona non è stata affatto risolta: ci è stato segnalato, infatti, che adesso questa gente si è “trasferita” nella stazione degli autobus a Piazza Partigiani, poco distante dalla stazione ferroviaria di Sant’Anna: il problema, in pratica, è stato solamente spostato! I pendolari che prendono i treni ex-FCU già sono costretti ad affrontare ogni giorno mille disagi tra biglietti carissimi, ritardi, disservizi, stazioni fatiscenti e viaggi su treni diesel vecchi e obsoleti:  è possibile che ora non possono più aspettare neanche in una sala d’attesa…?

Carla Spagnoli

Presidente Movimento per Perugia

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*