Cosa sta accadendo a Perugia?

da Giorgio Pippi
PERUGIA – Stamattina, sabato 30 agosto 2014, poco prima delle ore 8, stavo accompagnando in auto mio figlio da Montelaguardia verso Via Palermo. Arrivati a Piazza Grimana, senza che alcun segnale di preavviso vuoi cartaceo, vuoi metallico, vuoi elettronico, ci consentisse di prendere eventualmente un altro itinerario, la colonna di auto in salita dal Bulagaio si è letteralmente inchiodata difronte ad una grande ruspa cingolata che aveva iniziato a “grattare” l’asfalto all’inizio di Via Fabbretti, impedendo di fatto completamente l’imbocco per Via del Maneggio.

Visto che in questo Paese ormai siamo al “fai da te” quotidiano e permanente, c’è stato chi si è messo a suonare, chi ha provato a evitare la ruspa salendo per Corso Garibaldi, chi come me è risalito fino all’Arco Etrusco per vedere se si riusciva a capirci qualcosa. Sinceramente stavo per imboccare la corsia riservata di Via Pinturicchio, quando, per fortuna, una pattuglia motorizzata della Polizia Municipale è letteralmente piombata sulla Piazza venendo da Porta Pesa e andando a posizionarsi sul posto.

Mi hanno detto loro di passare per Via Battisti perché la telecamera era spenta. Qualche ora dopo è comparso su un piccolo segnale stradale a terra (di quelli da cantiere) un foglietto attaccato con nastro adesivo che diceva : “bla bla oggi dalle 7 alle 19 divieto bla bla”. Comunque caos, clacson, disagi etc etc per ore. Se questo piccolo episodio, capitato in un tranquillo sabato di una sonnacchiosa fine di agosto, fosse accaduto ai tempi di Boccali avremmo assistito in tempo reale al solito martirologio sul “gravissimo danno di immagine inferto alla città, ai turisti e quant’altro in un punto fondamentale ”, senza contare i Soloni che si sarebbero messi a pontificare sui disagi derivanti dalla “completa mancanza di coordinamento tra le diverse componenti della macchina comunale”. Coraggio Perugini, vorrei tanto sbagliarmi, ma temo, soprattutto da quello che apprendo in questi giorni dalla stampa cittadina, che questo piccolo gruppo di simpatici “apprendisti stregoni” (Sindaco Romizi & Co.) sia solo agli inizi dei danni che potrà fare alla nostra città.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*