Siamo in una dittatura autoritaria ed autoreferenziale, oppure no?

Amato John de Paulis (Candidato Presidente alla Regione Umbria)

da Alternativa Riformista
Nel richiedere agli uffici del Consiglio Regionale umbro una sala per la conferenza stampa inerente la chiusura della Lista Civica di Alternativa Riformista ed il lancio delle attività elettorali, si è riscontrata una chiusura davvero imbarazzante da parte dell’Ente che invece dovrebbe essere predisposto a promuovere la partecipazione politica in modo attivo e democratico.

Sembra che il Regolamento regionale autorizzi nel periodo elettorale queste concessioni solo a partiti politici e movimenti presenti in Consiglio Regionale.

Se fosse così sarebbero violati, in maniera scandalosa ed immorale, i diritti politici costituzionalmente protetti e garantiti dalla nostra Carta Costituzionale e che nessuno può limitare, tanto meno la Regione Umbria.
La Regione amministra il potere da troppi anni e sembra non permettere, a volte anche attraverso ricatti, che ci siano politiche difformi da quelle da Lei autorizzate.

Chiediamo che il Presidente del Consiglio Regionale Eros Brega e la Presidente della Giunta Regionale Catiuscia Marini intervengano con urgenza ad impedire questa “incostituzionalità” e questi comportamenti esclusivi della volontà del popolo, che dovrebbe essere sovrano, ma che viene umiliato e trattato in modo dittatoriale.

Amato John de Paulis – Candidato Presidente alla Regione Umbria
Leonardo Ranieri Triulzi – Candidato Consigliere al Consiglio Umbro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*