Segnaletica orizzontale, questa sconosciuta a Terni, j’accuse della Lega Nord

Strada di Sabbione e via Alfonsine, raccolte le lamentele dei cittadini

Segnaletica orizzontale, questa sconosciuta a Terni, j'accuse della Lega Nord

Segnaletica orizzontale, questa sconosciuta a Terni, j’accuse della Lega Nord

Segnaletica orizzontale sbiadita o totalmente assente: è la denuncia della Lega Nord Terni che ha raccolto le lamentele dei cittadini in relazione ad alcuni punti critici della città come Strada di Sabbione e via Alfonsine. “La situazione della viabilità ternana rischia di diventare problematica e non solo per le “solite” buche che giorno dopo giorno aumentano di numero e dimensioni – spiega Annalisa Spezzi – In alcuni punti della città, centro e periferia, la segnaletica orizzontale risulta ormai sbiadita e necessita di un tempestivo ripristino. Addirittura risulta totalmente assente in Strada di Sabbione, il cui asfalto era stato rifatto molto tempo fa, senza però poi provvedere nel rifacimento della segnaletica orizzontale.

Ma i disagi non finiscono – continua la Spezzi – pensiamo all’attraversamento pedonale in Via Alfonsine, in prossimità del tabaccaio, il cui semaforo è ormai da molto tempo non funzionante, rendendo problematico l’attraversamento per i pedoni e la situazione è la stessa per il semaforo di via Bramante che conduce agli uffici finanziari e alla sede Asl.

Altra nota dolente, soprattutto nelle ore di buio, è viale Trento, dove i rami degli alberi che costeggiano la carreggiata, coprendo la luce dei lampioni, rendono questo tratto particolarmente insicuro, sia per gli automobilisti che per i pedoni. Solo pochi giorni fa, intorno alle 19, è stata investita una donna che stava attraversando la strada.

Aggiungiamo il fatto che un tratto del guardrail che costeggia via Eroi dell’Aria in direzione Terni, piegato dall’ennesimo incidente, rende impossibile il transito sul marciapiede da parte dei pedoni.

Questi pochi esempi, ma potremmo farne numerosi altri, dimostrano come non si stia parlando di interventi eccezionali, ma di quelli che in una città normale dovrebbero essere lavori di ordinaria amministrazione, per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini. È inconcepibile la mala gestione che ha regnato in questi anni per la quale la manutenzione stradale si è limitata soltanto al tamponamento di alcune sporadiche emergenze, riducendo quindi la maggior parte delle strade in condizioni penose. È evidente la necessità di un piano serio di manutenzione, per il quale i cittadini non possono attendere anni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*