Scuola Primaria Ciabatti, Mori, interrogazione sullo stato del progetto

Centro storico perde pezzi, Mori: "Il comune che fa"
Emanuela Mori

Scuola Primaria Ciabatti, Mori, interrogazione sullo stato del progetto
La scuola primaria Primo Ciabatti versa in una preoccupante situazione di stabilità strutturale

Pubblichiamo il testo dell’interrogazione a risposta orale presentata in data odierna dal Consigliere Comunale del Partito Democratico Emanuela Mori, con cui la medesima chiede a Sindaco e Giunta quali sono le decisioni prese per mantenere la scuola Ciabatti in condizioni di sicurezza e se, e con quali modalità, si intende rispettare la previsione del trasferimento della scuola nella nuova e individuata sede di Monteluce, alla luce del fatto che la stessa scuola primaria Primo Ciabatti versa in una preoccupante situazione di stabilità strutturale.

Ai sensi dell’art. 68 comma 1 del Regolamento del Consiglio Comunale si interroga la S.V. per avere informazioni:

– circa la sussistenza del seguente fatto:

la scuola primaria Primo Ciabatti, definita già nei primi mesi dell’anno a rischio di crollo, versa in una preoccupante situazione di stabilità strutturale che spesso ne ha compromesso, e compromette tutt’ora, la sicurezza del personale docente e non che vi lavorano e, soprattutto, dei numerosi bambini e delle bambine che la frequentano;

– circa la verità del seguente fatto:

la scuola, inserita nel progetto della “Nuova Monteluce”, per assecondare una riorganizzazione logistica delle scuole del territorio, sarebbe dovuta essere trasferita nei nuovi locali di Monteluce in cui vi era posto sufficiente per ospitare le classi della Ciabatti (circa 26) e quelle della Valentini di Elce (6), tanto che all’uopo il progetto era corredato da una nuova viabilità esterna di cui non può non esservi traccia;

– reso noto che:

dalla direzione scolastica sono partite numerose lettere con la richiesta di avere un riscontro dall’assessore Waguè e dagli uffici tecnici del Comune e non più tardi dello scorso ottobre, nonostante i lavori di tinteggiatura, ancora numerose erano le carenze, alcune delle quali destanti non poca preoccupazione (una su tutte lo stato dei solai del piano seminterrato);

– circa i motivi e gli intendimenti della seguente attività del Sindaco/della Giunta:

*considerate le notevoli difficoltà per mettere in atto l’importante, ma necessario intervento di manutenzione straordinaria dell’edificio, si chiede di rendere noto quali le decisioni prese per mantenere lo stesso in condizioni di sicurezza e se, e con quali modalità, si intende rispettare la previsione del trasferimento della scuola nella nuova e individuata sede di Monteluce.

Scuola

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*