Schippa (Umbria più uguale): Province, il riordino istituzionale deve accelerare

“In questo momento, nella nostra regione, le province di Perugia e di Terni sono attraversate da un vero e proprio sisma istituzionale. La legge Del Rio, in tandem con la Legge finanziaria 2015, svuota le Province di funzioni e risorse, introduce di fatto i licenziamenti nella pubblica amministrazione e produce una discriminazione evidente tra i lavoratori pubblici, quelli di serie A (i cui contratti sono comunque fermi al 2010) e quelli delle inutili Province. Tutto fa pensare che questo gioco non si fermerà qui: le regioni saranno il prossimo bersaglio”. A dirlo è il candidato della lista “Umbria più Uguale” Gian Luca Schippa.

“Mentre si procede lentamente al riordino istituzionale – continua Schippa – , nella totale confusione normativa, le Province di Perugia e Terni continuano a esercitare le funzioni e a sostenerne i costi, senza che il governo intervenga se non a falcidiare i già pericolanti bilanci (altri 7 milioni di euro che si aggiungono ai 23 già previsti per le province umbre), causando grande preoccupazione tra i lavoratori”.

“E’ quanto meno urgente procedere rapidamente al trasferimento delle funzioni e far sì che gli impegni assunti dalla giunta regionale uscente vengano onorati da quella che le succederà, per quanto riguarda la garanzia della tutela occupazionale, la funzionalità dei servizi erogati ai cittadini e alle imprese e l’istituzione dell’Agenzia regionale per il lavoro.

La difesa ed il rafforzamento del sistema pubblico regionale umbro sono indispensabili per ribadire un principio di civiltà e democrazia e per fronteggiare la crisi che sta infliggendo durissimi colpi ai nostri territori”, conclude Schippa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*