Sblocca Italia, Daniela Pimponi (PD): “Contrarietà all’incenerimento”

Così in una nota Daniela Pimponi, responsabile ambiente e rifiuti del Pd Umbria.

Elezioni, Partito democratico, a Bevagna non c'è nessun candidato

Sblocca Italia, Daniela Pimponi (PD): “Contrarietà all’incenerimento”

PERUGIA – “L’art. 35 dello Sblocca Italia continua a lasciarci fortemente perplessi. Per il Partito Democratico dell’Umbria l’incenerimento dei rifiuti non è una soluzione che vada oltre la gestione dell’emergenza”. Così in una nota Daniela Pimponi, responsabile ambiente e rifiuti del Pd Umbria.

“La strategia del lungo periodo – scrive Pimponi – deve esser quella di ridurne la produzione a monte, potenziare la raccolta differenziata e il riutilizzo dei materiali. Dunque un utilizzo efficiente delle risorse per la riduzione dell’impatto sull’ambiente.

In quest’ottica la deroga allo Sblocca Italia, ottenuta dall’Umbria a valle della trattativa, per tutte le Regioni in grado superare insieme la necessità di autorizzare nuovi impianti, è un primo risultato.

La collaborazione tra Regioni deve garantire, a chi nel proprio piano dei rifiuti ha scelto di non utilizzare inceneritori, di portare avanti politiche più virtuose ed evitare di dover bruciare rifiuti nel proprio territorio.

Il Partito Democratico ribadisce la contrarietà all’incenerimento di rifiuti all’interno del territorio regionale, poiché la tutela della salute e dell’ambiente richiedono chiarezza e incisività nelle scelte e nell’azione politica e amministrativa.

Chiediamo quindi alle Amministrazioni di accelerare sulla raccolta differenziata e sullo sviluppo di un’economia circolare che eviti la produzione di rifiuti, riducendo drasticamente anche il ricorso alle discariche, con l’obiettivo di un loro progressivo superamento”.

Sblocca Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*