Sanità, Solinas: “Bene le nuove misure della giunta”

Per Solinas è positivo il fatto che siano aumentati sensibilmente i volumi delle prestazioni erogate

Sport, Solinas sorpreso da risposta consigliere Prisco
attilio solinas

Sanità, Solinas: “Bene le nuove misure della giunta”

“Con le nuove misure per ridurre le liste d’attesa, la Giunta regionale ha recepito molte delle indicazioni provenienti dai rappresentanti dei cittadini, dal mondo sanitario e dai referenti sindacali. Ringrazio l’assessore Bartolini per aver dato seguito al lavoro congiunto che abbiamo svolto in Terza commissione”. È quanto dichiara Attilio Solinas (Partito democratico). Per Solinas “è positivo il fatto che siano aumentati sensibilmente i volumi delle prestazioni erogate in molti ambiti assistenziali, tra il 2014 e il 2015.

Importante, poi, che ci sia un adeguato tasso di rispetto delle classi di priorità delle prenotazioni. Questo dimostra che sta andando a regime l’opera di razionalizzazione delle liste d’attesa, attuata ormai da alcuni anni, attraverso il progetto Rao (raggruppamenti di attesa omogenei), che assegna ad ogni paziente una priorità di prenotazione in base alla gravità del quadro clinico. È bene, comunque, verificarne il funzionamento periodicamente con i medici prescrittori e con gli erogatori delle prestazioni.

Altro dato interessante è la riduzione del tasso di rinuncia alle prestazioni (drop out) non comunicata dal paziente al Cup. Non dobbiamo nasconderci che ci sono ancora delle prestazioni con tempi attesa critici: le misure disposte dalla Giunta puntano ad un incremento dell’offerta, anche allungando gli orari dei servizi, e ad una razionalizzazione della domanda, con un contrasto alla medicina difensiva, che è fortemente inappropriata e consuma ingenti risorse.

Il governo della domanda è la strada giusta da percorrere per arrivare ad una maggiore appropriatezza ed una migliore sostenibilità del sistema. Importante lo stanziamento di risorse per l’assunzione di personale nei settori dove c’è maggiore richiesta di prestazioni, con una particolare attenzione alla stabilizzazione dei precari.

Utile, inoltre, l’obiettivo assegnato ai servizi di effettuare le prestazioni entro gli intervalli prestabiliti dai Rao, rispettando i tempi di prenotazione. Da sottolineare, in quest’ottica, la scelta di richiamare il paziente qualora si liberi un posto per una prestazione per la quale non si era trovato posto in precedenza”.

“Non dobbiamo dimenticare – prosegue Solinas – la rilevanza di scelte in favore delle persone in maggiore difficoltà come, ad esempio, la garanzia di accesso agevolato all’interno del proprio distretto socio-sanitario di appartenenza per gli anziani, le persone con malattia cronica e con disabilità complessa.

Altro dato positivo è la prenotazione on line che snellisce e facilita le modalità di accesso, lasciando la facoltà ai pazienti anziani che non hanno dimestichezza con internet di prenotarsi al Cup.

Un obiettivo utile da perseguire per il futuro è quello di programmare a priori un pacchetto di visite periodiche per i pazienti cronici che necessitano di controlli programmati, senza bisogno di tornare tutte le volte al Cup”. “Infine vorrei sottolineare – conclude Solinas – in merito alla citata problematica dei farmaci innovativi come quelli per l’epatite C, particolarmente costosi per le casse dello Stato, che è necessario evitare troppi passaggi ed un’eccessiva burocratizzazione nell’accesso a questi trattamenti, per evitare di perdere tempo prezioso e scongiurare che tali pazienti, spesso molto gravi, possano andare incontro ad un esito infausto della loro patologia”.

Sanità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*