Sanità, Liberati M5s: Rimuovere soggetti con procedimenti penali”

Il capogruppo pentastellato rimarca come il dottor Walter Orlandi, risulti inopportuno finanziatore ufficiale della campagna elettorale di Catiuscia Marini

Terremoto Umbria 1997, dopo 20 anni regione ammette, quasi 8000 edifici ancora danneggiati
Andrea Liberati

Sanità, Liberati M5s: Rimuovere soggetti con procedimenti penali”

Il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati ha presentato una interrogazione alla presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini con la quale chiede se “risponde al vero che tra i nominati, oltre ad almeno un finanziatore ufficiale della sua campagna elettorale 2015, si riscontrino pure persone con procedimenti penali attivati per presunti conferimenti di incarichi non dovuti, nonché per assunzioni suppostamente prive dei requisiti di legge, nonché per i presunti reati richiamati nelle considerazioni”.

Liberati chiede quindi di sapere dalla presidente “se sia stata a conoscenza di simili sgradevolissime vicende e, in caso affermativo, i motivi per cui non le abbia segnalate alla comunità regionale, informando inoltre se non ritenga necessario effettuare ulteriori approfondimenti, procedendo infine all’immediata rimozione di soggetti inopportunamente prescelti. Offrendo così agli umbri un modello di Sanità radicalmente nuovo, incarnato da protagonisti di vaglia e privi di ombra alcuna, decisi in base a un metodo selettivo meritocratico e compiutamente partecipato dai cittadini”.

Liberati, nel suo atto ispettivo ricorda come “nelle ultime settimane la presidente di Regione ha effettuato le ormai famigerate nomine della Sanità, dando l’avvio a forti polemiche in seno alla sua stessa maggioranza, con l’apertura di una crisi politico-istituzionale tuttora irrisolta”.

Il capogruppo pentastellato rimarca come, da egli stesso, “è già stato dimostrato come almeno uno tra i citati nominati, il dottor Walter Orlandi, risulti inopportuno finanziatore ufficiale della campagna elettorale di Catiuscia Marini.

E secondo organi di stampa nazionali, un altro, il dottor Maurizio Dal Maso sarebbe viceversa coinvolto in indagini per presunti reati (falso e truffa) contro la P.A. (http://goo.gl/pzHefx [1])”. “Stando a tali primi rapporti – conclude Liberati -, apparirebbero quanto mai superficiali e sconvenienti le scelte effettuate dalla presidente della Regione Umbria”.

Sanità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*