Regione Umbria spreca 1,4 miliardi di euro, Claudio Ricci, serve piano risparmi

Regione Umbria spreca 1,4 miliardi di euro, Claudio Ricci, serve piano risparmi
Claudio Ricci

Regione Umbria spreca 1,4 miliardi di euro, Claudio Ricci, serve piano risparmi

“Le inefficienze della Regione Umbria sono valutate, complessivamente, da uno studio Confcommercio – ISTAT (fonte Corriere della Sera), 1.4 Miliardi Euro. Solo eliminando sprechi e inefficienze (anche delle agenzie partecipate dalla Regione), come peraltro affermato dalla Corte dei Conti (relazione al rendiconto 2014), si possono reperire le risorse per creare sviluppo e nuovi posti di lavoro, sostenere persone e famiglie povere (oltre 30milain Umbria) nonché diminuire le tasse regionali”. Così il consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente) per il quale “tale situazione non è più accoglibile e il Governo regionale deve urgentemente intervenire attraverso la messa a punto di un piano di riduzione di sprechi e inefficienze”. Claudio Ricci annuncia che, nelle prossime settimane, “avvalendosi delle prerogative di ‘sindacato ispettivo’, attribuite ai consiglieri regionali”, andrà a svolgere le funzioni di “puntuale controllo in particolare delle partecipate regionali”. “Le risorse sono sacre – conclude Ricci -, le famiglie e le imprese soffrono e sono in difficoltà quindi nessuno può sfuggire dal dovere morale ed etico di evitare sprechi di risorse pubbliche”.

Regione Umbria spreca 1,4 miliardi di euro

2 Commenti su Regione Umbria spreca 1,4 miliardi di euro, Claudio Ricci, serve piano risparmi

  1. Meno male che il consigliere regionale Ricci,difronte alla valutazione fatta da uno studio della Confcommercio sulle inefficienze della regione,afferma che tale situazione non è più accoglibile e il Governo regionale deve intervenire urgentemente con un piano di riduzione per gli sprechi e inefficienze, dirottando le somme sprecate verso le famiglie e le imprese che sono sofferenti.

    • Meno male che il consigliere regionale Ricci,difronte alla valutazione fatta da uno studio della Confcommercio sulle inefficienze della regione sottolinea che tale situazione non è più accoglibile e che il Governo regionale deve intervenire urgentemente con un piano di riduzione per gli sprechi e inefficienze, dirottando le somme sprecate verso le famiglie e le imprese che sono sofferenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*