Regione, nuova polemica su orario chiusura lavori consiglio

E' successo quando la presidente Donatella Porzi ha proposto di chiudere la seduta intorno alle 18,15

Zone colpite dal sisma, Regione Umbria approva le misure di sostegno

Regione, nuova polemica su orario chiusura lavori consiglio

Anche oggi pomeriggio il capogruppo dei Cinquestelle in consiglio regionale, Andrea Liberati, come succede (lui stesso lo ha sottolineato) da alcune sedute, ha reiterato il suo invito a proseguire i lavori dell’assemblea anche oltre l’orario di chiusura, che ultimamente si è fissato intorno alle 18,30/19.

E’ successo quando la presidente Donatella Porzi ha proposto di chiudere la seduta intorno alle 18,15: Liberati ha chiesto di continuare almeno fino alle 19 “essendoci ancora diversi punti all’ordine del giorno”. Lo stesso Liberati ha inoltre fatto notare “l’assenza di tutti gli assessori dai banchi della giunta, con la presidente Catiuscia Marini che oggi è stata in aula soltanto una mezzora”.

L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha aggiornato i propri lavori alla prossima seduta, prevista per martedì 15 dicembre. Dopo il rinvio del voto sulla mozione relativa all’inquinamento dei fiumi Marroggia, Clitunno, Timia e Teverone (proposto da Andrea Liberati, M5S e accolto dai firmatari) la presidente Donatella Porzi ha proposto di sospendere i lavori.

Proposta contro cui sono interventi i capigruppo Andrea Liberati (M5S) e Marco Squarta (FdI) che hanno invece proposto di portare avanti la seduta fino alle ore 19, stigmatizzando l’assenza di tutti i componenti della Giunta di Palazzo Donini, non più presenti in Aula.

Il capogruppo Pd Giacomo Leonelli ha annunciato, proprio a causa dell’assenza dei componenti dell’Esecutivo, di non voler procedere con la mozione sulla Umbria film commission, mentre Claudio Ricci (capogruppo Rp) ha proposto di anticipare la discussione della propria mozione sull’inserimento di San Francesco d’Assisi e San Benedetto da Norcia nello Statuto della Regione Umbria. Andrea Smacchi (Pd) ha auspicato che l’atto potesse essere portato all’attenzione della Commissione competente, vista la complessità delle procedure di modifica dello Statuto.

Claudio Ricci, sentiti altri interventi non favorevoli, ha ritirato la propria precedente proposta di discussione immediata della mozione, chiedendo però che il punto sull’inserimento dei Santi Francesco e Benedetto nello Statuto sia il primo nell’ordine del giorno della prossima seduta. Con il voto unanime di quanto richiesto dal proponente i lavori dell’Assemblea legislativa dell’Umbria si sono conclusi.

Consiglio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*