Regionali Umbria, Berlusconi, parlare a elettori disgustati da politica

“Noi dobbiamo alzare gli occhi dall’Italia e guardare a quello che succede in Europa, dove vediamo, come in Francia e in Inghilterra, che non e’ la destra estrema a poter battere la sinistra, ma e’ soltanto il centrodestra che puo’ opporsi vittoriosamente alla sinistra”. Ad affermarlo e’ Silvio Berlusconi, intervenuto telefonicamente alla giornata conclusiva della Primavera delle idee, la tre giorni perugina organizzata dal Coordinamento nazionale enti locali di Forza Italia, guidato da Marcello Fiori.

“Ancora di piu’ – ha proseguito Berlusconi – guardiamo alla piu’ grande democrazia occidentale, agli Stati Uniti d’America, dove in campo ci sono fondamentalmente due partiti: i democratici e i repubblicani. Noi in Italia abbiamo gia’ i democratici. Dobbiamo dare vita a un grande movimento, guardare al grande popolo dei moderati italiani, al ceto medio che e’ sicuramente la maggioranza.

Il nostro sforzo deve essere quello di convincere tutti gli italiani di buon senso, che non votano a sinistra”. Secondo Berlusconi “bisogna fare capire a tutti che soltanto con una grande forza, che rappresenti tutti i moderati, si puo’ trasformare quella maggioranza sociale dei moderati in una maggioranza politica, consapevole e organizzata””. Per Silvio Berlusconi e’ necessario “insegnare a tutti gli elettori di centrodestra che non si puo’ continuare a frazionare il voto come e’ stato dal ’48 ad oggi”.

“Anche nella prima Repubblica – ha proseguito – cinque partiti erano necessari per formare una maggioranza e un Governo. Ho vissuto anche io questa situazione. Io che con tanta speranza nel ’94 scesi in campo per realizzare quella rivoluzione liberale indispensabile per modernizzare il nostro paese, non sono riuscito a farlo per diversi motivi, soprattutto perche’ non sono mai riuscito a mettere d’accordo i partiti della nostra coalizione. Bisogna superare questa frammentazione insegnando agli elettori del centrodestra a votare con consapevolezza e intelligenza”.

“Bisogna andare a parlare a quegli elettori che non sono certamente di sinistra ma , moderati e disgustati da questa politica e da questi politici, hanno deciso di non andare a votare”. Ha detto così Berlusconi. “Purtroppo sono tantissimi – ha proseguito Berlusconi – e soprattutto a loro dobbiamo rivolgere la nostra attenzione.

Lo dico anche a te Claudio Ricci (candidato alla presidenza della Regione Umbria per il centrodestra ndr) : il mio suggerimento e’ che tu prenda tutta la schiera dei nostri sostenitori e dia loro la missione di andare a scovare e convincere, uno, due, tre, dei loro amici e conoscenti che sicuramente non sono di sinistra ma che disgustati non intendono andare a votare, per spiegare loro come commettano un errore che oramai si e’ trasformata in una colpa e quasi in un reato contro se stessi, i propri figli e la propria famiglia”. “E’ questo che noi dobbiamo fare da qui in avanti – ha concluso Berlusconi -, superando tutti i frazionamenti tra di noi e arrivando a un grande movimento che possa essere i repubblicani d’Italia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*