Regionali, Ramona Furiani (PD), le considerazioni prima del voto

da Ramona Furiani (candidata al consiglio regionale per il PD)
In questi giorni sto avendo molti incontri con piccoli e grandi imprenditori della nostra Regione, in tutti riscontro una particolare attenzione al nostro progetto di governo dell’Umbria, c’è una diffusa visione positiva della Presidente Catiuscia Marini, ma ci invitano a fare ancora di più.

Occorre un nuovo slancio per agganciare il contesto internazionale che mostra i primi timidi segnali positivi.
Occorre, come dico spesso, aiutare la nostra Presidente ad usare oltre che il cacciavite, ogni tanto anche un buon caterpillar, occorre rivendicare soprattutto da parte delle giovani generazioni il diritto a cambiare le cose che non vanno.

Centrale dovrà essere nei primi mesi di governo l’attuazione di soluzioni per favorire un accesso al credito agevolato e con costi molto minori. Mettere in campo ancor più numerosi e consistenti fondi rotativi di garanzia, favorire processi di forte innovazione.

Ricerca, innovazione e occupazione sono unite da un legame inscindibile.

Il nuovo contesto legislativo promosso sul lavoro dal Governo Renzi favorisce la ripresa peccato però che parte minoritaria della sinistra alla maniera di Tafazzi anche di fronte ai dati Inps della scorsa settimana sulle 470.785 assunzioni a tempo indeterminato nel primo trimestre del 2015, più 24% sminuisca tutto questo dicendo “certo il lavoro cresce, perchè si favoriscono le imprese!”.

Ma l’obiettivo non era il lavoro? Oppure qualcuno ancora pensa che il lavoro si possa creare in maniera massiccia nel pubblico impiego?

Noi abbiamo bisogno di una pubblica amministrazione sempre più efficiente ed efficace, di forti dosi di semplificazione amministrativa e procedimentale, solo così l’Italia e l’Umbria possono ripartire.

Solo così, con l’immagine recentemente richiamata da Ulderico Sbarra (segretario regionale Cisl), solo rompendo l’acquario e liberando i pesci nel mare aperto di nuove idee potremo liberare tutte le energie migliori della nostra Regione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*