Realtà Popolare, Tamburi: “I militari a Fontivegge!”

Realtà Popolare
Realtà Popolare

Realtà Popolare, Tamburi: “I militari a Fontivegge!”

da Giampiero Tamburi (Realtà Popolare –Segretario Nazionale) – Questo è stato richiesto dal Sindaco però, come ammortizzatore di questo durissimo colpo inferto alla città, si esprime anche dicendo che non bisogna fare confusione perché le forze dell’ordine stanno facendo un ottimo lavoro!

Due affermazioni contrapposte che si annullano a vicenda: se le Forze dell’Ordine stanno facendo un buon lavoro non c’è bisogno dell’Esercito e, se c’è bisogno dell’Esercito, le Forze dell’ordine evidentemente non hanno fatto un buon lavoro.

O siamo noi che non abbiamo ben capito o non è stato spiegato molto bene come stanno le cose. Comunque, in questa inspiegabile e deprecabile situazione un fatto è certo: se c’è bisogno dei militari per avere sotto controllo la situazione, vuol dire che qualcuno ha fallito e, di certo non siamo noi cittadini.

Una certa parte della cittadinanza, tra cui anche il sottoscritto, ha sempre detto che i soli balli, i mercatini e le altre ludiche manifestazioni che si mettevano in atto con l’intento di “riprendersi i nostri spazi” sono e restano un inutile tentativo di normalizzare una situazione che sempre più rendeva la popolazione timorosa della propria incolumità.

Lavorare con il Prefetto ed il Sottosegretario? Giusto e doveroso da parte dei nostri amministratori comunali ma, prima di mettere in atto questa drammatica e drastica soluzione, devono comunque, moralmente e politicamente, porsi una domanda: abbiamo fatto tutto per coinvolgere, nella gestione e nelle soluzioni possibili di questi problemi, la collettività e le loro Associazioni di rappresentanza? Noi siamo convinti di no!

Quante volte abbiamo richiesto strumenti adeguati per affrontare, pariteticamente, tra Comune e società, queste problematiche? Quante volte abbiamo suggerito di istituire una “Consulta paritetica” tra Associazioni di cittadini, Prefetto e tutti gli attori necessari, per prendere decisioni concrete da effettuare nel territorio?

Moltissime volte ma nessuno si è degnato di darci una risposta! Poi, come un regalo di Natale, ci sentiamo a dire che vogliono far intervenire i militari come se, una volta andati via, non rinascesse quella erbaccia che ha ridotto la nostra Perugia in questi assurdi termini di criminalità! Sicuramente qualcuno si affannerà a giustificare un simile atteggiamento con accenti politici di parte.

È suo diritto ma dobbiamo sempre ricordarci che, queste soluzioni fanno parte di un certo atteggiamento politico che ha portato l’Italia alla crisi morale e civile in cui ci troviamo ed hanno, al tempo stesso, allontanato gli italiani dal loro dovere di cittadini.

Realtà Popolare

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*