Province il default, ma a Terni i dirigenti prendono il 30 per cento in più del 2015

Province il default, ma a Terni i dirigenti prendono il 30 per cento in più del 2015
PROVINCIA-DI-TERNI
da Andrea Liberati
Un buco per milioni di euro: tra Perugia e Terni abbiamo due enti ridotti a rottami grazie all’attuale classe politica. E finalmente escono i numeri ufficiali di questo disastro.
Come noto, gli enti provinciali in default sono prevalentemente al Sud Italia: con tali storie emerge come la meridionalizzazione dell’Umbria sia ormai plateale. E come le ingiustizie in seno alle morenti Province proseguano e si consolidino.
Oggi infatti spunta una vera bad news: mentre i dirigenti della Provincia di Perugia si dichiarano -con un comunicato ufficiale- disponibili “a fornire un proprio contributo di solidarietà“, esprimendo “apprezzamento e stima per i propri colleghi”, a Terni si strappano ancora ricchi premi e cotillon.
Spuntano i risultati dell’accordo agostano tra il sindacato dirigenti (DIREL) e l’Amministrazione provinciale di Terni, patto che CGIL e CISL hanno giustamente rifiutato di firmare, giacché prevede una ripartizione del fondo dirigenziale atta aerogare il 30% in più dello stipendio ai dirigenti medesimi: costoro passano così da un compenso mensile minimo di € 133.559 a uno massimo pari a € 138.300 contro i € 101/106.000 dello scorso anno!
Essendo diminuite funzioni e dirigenti, il relativo fondo è assurdamente rimasto intatto, come se numero e competenze degli apicali fossero sempre uguali al passato: il risultato di una simile ‘trattativa’ è che ai dirigenti residui andranno molti più soldi, dirigenti assurti con questo gesto ad autentici camerlenghi dell’Ente! Manca solo il turibolo.
Così, mentre le Province sono ormai nella terra di nessuno e mentre impiegati e quadri subiranno ulteriori decurtazioni dei propri salari, mentre i cittadini scontano difficoltà nella fruizione di servizi che lo Stato e la Regione ben poco remunerano, alcune persone a Terni registrano un immorale incremento dei loro compensi, superando d’emblée tutti gli stipendi dei colleghi provinciali di Perugia, venendo scavalcati soltanto da quattro direttori della Regione.
Sento un’orchestrina suonare: il Titanic è qui! La buona politica, invece, come sempre impegnata altrove

Province il default

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*