Primo Maggio, turisti e commercio: una proposta di legge regionale

Andrea Fabbri

Ho trascorso il Primo Maggio a Norcia. La città natale di San Benedetto patrono principale d’Europa è tra le più attrattive e organizzate dell’Umbria grazie soprattutto alle capacità imprenditoriali dei privati e delle molteplici associazioni culturali che vi insistono.

Quello appena trascorso è stato uno dei migliori Primo Maggio che io ricordi: moltissimi turisti, soprattutto dal Lazio e dalla Toscana. Nonostante ciò, molti operatori commerciali non valutano la ricaduta economica corrispondente al volume dei flussi registrati e questo mette ancora una volta in evidenza lo stato di crisi attuale che si ripercuote anche e soprattutto sul commercio. Da un punto di vista di flussi, Norcia e altre città dell’Umbria quali Spoleto, Assisi e Orvieto i turisti ci sono, ma non spendono o spendono sensibilmente di meno rispetto al passato. Ciò rappresenta un gravissimo problema per i commercianti che vedono ridursi drasticamente i ricavi a fronte di costi fissi insopprimibili quali affitto dei locali, utenze e tasse comunali e regionali. Se si incassa di meno, oltre a ridursi il margine di guadagno personale, insorge il vero problema che avvita il commercio in una spirale dai risvolti potenzialmente tragici: la morosità nel pagamento delle merci e degli affitti.

Credo che chiunque ricopra cariche pubbliche o abbia intenzione di farlo debba seriamente, nei limiti delle proprie possibilità, farsi carico di questo problema che poi, a ricasco, interessa l’intera collettività (aumento dei prezzi al consumo, ecc.).

Quale candidato alle prossime elezioni regionali per la lista RICCI PRESIDENTE, non appena eletto mi ripropongo di convocare un tavolo con le associazioni dei proprietari immobiliari per l’adozione di una legge regionale che introduca in Umbria il CANONE DI AFFITTO CONCORDATO anche per il settore commercio. Posto che sul fronte tasse e utenze i margini operativi sono alquanto ridotti, l’unica leva veramente efficace per aiutare il commercio in questo periodo è quella degli affitti. I proprietari di immobili dati in locazione avranno certezza dei pagamenti e del rispetto delle date di scadenza a fronte dell’adesione a un programma di affitti “scontati” pre-determinati in base a zone omogenee e settori merceologici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*