Presunte irregolarità Garanzia Giovani, Ciprini (M5S): “Ok a ispezione Ministero lavoro”

Ciprini M5s, Caso Francesconi: "Ministro verifichi sicurezza sul lavoro"
Ciprini

Presunte irregolarità Garanzia Giovani, Ciprini (M5S): “Ok a ispezione Ministero lavoro”

“Dopo la risposta ottenuta dalla collega europarlamentare Laura Agea da parte della Commissaria all’Occupazione sulle presunte irregolarità nell’attuazione del progetto Garanzia Giovani in Umbria, è arrivata anche la risposta del Ministero del Lavoro”- scrive la deputata Tiziana Ciprini in una nota.

“Nel rispondere a una mia interrogazione sulla stessa questione, infatti, la sottosegretaria Bellanova ha specificato che, a fronte di segnalazioni di eventuali anomalie del sistema, il Ministero del Lavoro intraprende specifiche azioni ispettive volte a contrastare l’uso improprio del programma.

Per quanto ruguarda i ritardi nei pagamenti, la rappresentante del Governo ha sottolineato che sono dovuti alle imprecisioni nella trasmissione dati  da parte delle Regioni e alla dilazione dei tempi di conclusione delle verifiche connesse alla carenza documentale da parte degli enti promotori. Alla fine chi paga il rimpallo di responsabilità tra Ministero, Inps e Regioni sono solo i Neet, sempre  più scoraggiati”- commenta la Ciprini.

“Nel 2014 i neet censiti dall’Istat erano 2 milioni e 415 mila e, ad oggi, gli iscritti al programma in Italia sono 807 mila e di questi solo 485 mila sono stati presi in carico dai centri per l’impiego e da privati accreditati. Cifre bassissime, per gridare al successo. Meglio gridare invece allo sperpero di danaro pubblico. E pensare che il programma garanzia giovani è stato anche dopato con ricorso ai bonus occupazionali da 1500 a 6000 euro per invogliare le aziende a assumere i giovani”- commenta la pentastellata.

“La filiera 5 stelle presente In Umbria a tutti i livelli delle Istituzioni continua a fornire un esempio di buona e fattiva politica”- conclude la deputata Ciprini.

Presunte irregolarità Garanzia Giovani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*