Presentati i candidati dell’Altotevere della lista l’Umbria per un’altra Europa

Altra Europa Altotevere

Questa mattina nella sala dei gruppi del Comune di Città di Castello sono state presentate le candidature locali della lista l’Umbria per un’altra Europache sostiene Michele Vecchietti presidente. Ha aperto la conferenza Simone Cumbo, in rappresentanza del comitato Altra Europa Altotevere:”Con molto piacere che stamattina siamo qui per presentare alla cittadinanza questo nostro progetto politico che ha l’ambizione di partire da lontano. Parte dall’esigenza della critica alle politiche di austerità che impongono con urgenza un cambiamento, a partire dal ripristino di una rappresentanza politica che la Sinistra oggi non ha. Quella Sinistra diffusa, ecologista e radicalmente alternativa al sistema di potere che oggi governa la nostra regione. Ci candidiamo a costruire un’altra Umbria perché quella degli ultimi cinque anni è stata incapace di controbattere le politiche centralistiche puntando su Grandi Opere e interventi a pioggia senza alcuna capacità di innovazione e progettazione.

Per questo, dopo un percorso partecipativo e assembleare del nostro comitato, abbiamo individuato due figure che possano dare gambe a questo progetto politico.” Il primo a prendere la parola è Luca Franceschini 37 anni laureato in informatica impegnato da sempre nel tessuto sociale del territorio regionale attraverso associazioni quali ARCI e ANPI. E’ anche progettista, sviluppatore e promotore di software libero “Ho accettato l’impegno di candidarmi per dare un contributo a questo progetto dell’Umbria per un’altra Europa – ha dichiarato Franceschini- la mia generazione ormai convive da anni con la precarietà della vita, del lavoro e della mancanza di una prospettiva. E’ arrivato il momento di impegnarsi per cercare di dare una risposta concreta a tutte e tutti quelli che ogni giorno devono fare i conti con la mancanza del lavoro o con la possibilità di fare un progetto di vita. Sono molto fiducioso – Contnua Franceschini – visto quanto è successo in Grecia con Syriza dimostra che i tempi sono maturi per la costruzione di una nuova sinistra di Governo in Italia. Siamo alternativi a coloro i quali in quersti anni hanno solo applicato i dettami dei vari Governi fino ad arrivare a votare il Jobs act”.
È poi  intervenuta Paola Baldicchi, imprenditrice nel settore tipografico e mamma:”Voglio ringraziare per questa possibilità che mi è stata data di poter parteciapre a questo percorso, voglio portare la mia esperienza di impenditrice e mamma, che ogni giorno combatte con la crisi e con i suoi effetti. in questi cinque anni ci siamo impoveriti e nulla è stato fatto per evitare il depauperamento dei servizi, penso alla sanità, dove a seguito delle riforme, non è stato fatto un piano sanitario, oppure alla mancanza di un nuovo piano sociale che programmi e migliori l’accesso ai servizi. Per questo credo che sia arrivato il momento di un impegno in prima persona”. Alla conclusione i candidati hanno incontrato i cittadini durante il mercato settimanale per raccogliere le istanze e impressioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*