Presentata una mozione urgente per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga

Rifondazione Comunista

rifondazione(UJ.com3.0) PERUGIA – Il Gruppo di Rifondazione Comunista ha presentato una mozione urgente per chiedere il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga al nuovo Governo sollecitando anche gli altri Consigli comunali umbri e il Consiglio Regionale a deliberare documenti simili. Come è noto le risorse messe a disposizione dal Governo con la Legge di Stabilità 2013 non garantiscono la copertura della cassa integrazione in deroga per tutto l’anno. Da poco la Regione Umbria ha previsto un finanziamento integrativo per evitare l’immediata interruzione della Cassa Integrazione in deroga ma a maggio in assenza di provvedimenti concreti a livello nazionale ci sarà un blocco dell’operatività di questo ammortizzatore sociale anche in Umbria.

La situazione umbra è fortemente critica con circa 14.000 lavoratori coinvolti che a maggio rischiano di perdere la fonte di reddito, con un tasso di disoccupazione del 10% che rischia se si dovessero aggiungere i lavoratori in cassa integrazione in deroga di raggiungere il 14%, percentuale altissima che in nessun Paese che si dice democratico può essere accettabile. Gli ultimi governi hanno portato avanti politiche di austerity che hanno impoverito il tessuto produttivo italiano e depredato gli italiani del loro diritto ad un reddito e una vita dignitosa. Ognuna delle forze politiche di questo nuovo strano governo allargato che non leveranno la voce su tali ingiustizie e non avranno la volontà di invertire la rotta rispetto alle politiche che stanno mettendo in ginocchio un intero Paese saranno complici della rottura del tessuto sociale italiano e dei conflitti sociali che si stanno aprendo.

Certo, la cassa integrazione in deroga non può essere definita come uno strumento utile per le politiche industriali, ma certamente rappresenta un tampone per la grave situazione economica e sociale della città. Parallelamente il Governo deve avere il coraggio di abbandonare i dogmi ciechi dell’austerità che aggravano la condizione generale del Paese e inserire politiche fattive a sostegno dello sviluppo e dello stato sociale.
Rifondazione auspica che tutti i Comuni dell’Umbria e il Consiglio regionale appoggino questo documento per fare pressione sul Governo affinché sulla cassa integrazione in deroga, così come sulla questione degli esodati e dei precari vengano avviate riforme serie e rispettose della dignità umana e del diritto al lavoro.

Capogruppo PRC Comune Perugia
Emiliano Pampanelli

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*