Polizia ambientale e agroalimentare, il Governo accoglie l’odg di Giulietti (Pd)

Giampiero GiuliettiIl Governo ha accolto, in sede di discussione del disegno di legge relativo alla riorganizzazione delle Pubbliche Amministrazioni, l’ordine del giorno presentato dall’on. Giampiero Giulietti che mira ad istituire un’adeguata forza di polizia ambientale e agroalimentare, che integri anche le attuali forze di polizia provinciale.

“Il disegno di legge in discussione alla Camera prevede la razionalizzazione e il potenziamento dell’efficacia delle funzioni di polizia, anche nell’ottica di una migliore cooperazione sul territorio, e il riordino delle funzioni di polizia di tutela dell’ambiente, conseguente alla riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato. – ha spiegato l’on. Giulietti – L’obbiettivo è quello di mantenere gli attuali livelli di presidio del territorio, potenziando al contempo l’attività di sicurezza ambientale e agroalimentare.

Con l’accoglimento dell’ordine del giorno da me presentato – ha affermato ancora il deputato del Pd – il Governo si impegna a garantire l’organizzazione di una polizia ambientale e agroalimentare che assuma unitariamente le necessarie funzioni e risorse, anche umane, connesse alla centrale attività di sicurezza ambientale e agro alimentare e del territorio; ad includere nelle funzioni da assegnare a tale polizia le competenze relative al contrasto ai crimini ambientali e agroalimentari, in raccordo con le funzioni di polizia già esistenti negli altri corpi; a rafforzare le funzioni di polizia ambientale e agroalimentare, anche valutando nel processo di riorganizzazione le possibili forme di coordinamento e progressiva integrazione con i corpi di polizia provinciale, favorendo in questo modo una reale innovazione istituzionale”.

1 Commento su Polizia ambientale e agroalimentare, il Governo accoglie l’odg di Giulietti (Pd)

  1. In pratica è sostanza che significa? Per noi comuni mortali che capiamo solo le parole semplici significa che I poliziotti provinciali non saranno mandati di qua e di là a fare un lavoro totalmente diverso rispetto alla missione che da sempre svolge la polizia provinciale…spesso primo o addirittura unico presidio di contrasto al bracconaggio e al crimine ambientale…2600 unità (4 gatti) accertano 1/3 di tutti i reati ambientali scoperti nell’entroterra italiano…e gli altri tutti assieme sono diverse centinaia di migliaia di uomini
    ..come dire…così pochi ma così efficienti…eppure si smantellano e di mortificano esperienze e professionalità uniche e su cui si è anche investito tantissimo denaro pubblico…sarei interessato a questo punto di conoscere l’esito del dl 78 se stralceranno quel pessimo e assurdo articolo sulla polizia provinciale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*