Polemica su rinvio Consiglio grande servizi infanzia a Perugia

Polemica su rinvio Consiglio grande servizi infanzia a Perugia
conferenza stampa pd

Polemica su rinvio Consiglio grande servizi infanzia a Perugia

Questa mattina, presso la Sala Ex Giunta di Palazzo dei Priori, i gruppi consiliari del Pd e del Psi hanno tenuto una conferenza stampa per esprimere la loro contrarietà “al continuo rinvio del Consiglio grande, aperto alla partecipazione dei cittadini, e la carenza di confronto da parte della Giunta sia verso un Consiglio comunale democraticamente eletto che verso i perugini”.


Formazione per comunicatori e giornalisti
Scrivi a direttore@marcellomigliosi.it

Aprendo l’incontro, il capogruppo Pd Diego Mencaroni ha precisato che la vicenda certifica l’ennesima mancanza della volontà della Giunta di dialogare con i cittadini. Ciò è confermato da una serie di scelte unilaterali, compiute dall’esecutivo senza coinvolgere minimamente la gente. Ne è un esempio la gestione dei fondi per il titolo di capitale italiana della cultura, ma soprattutto quando accaduto sulla questione mense. Su questa vicenda oggi la maggioranza pone il veto alla richiesta dei cittadini di un confronto “aperto” nonostante la tematica sia molto sentita dalla popolazione, in quanto, sul punto, l’amministrazione ha dimezzato i fondi e varato una riforma della refezione scadente e penalizzante per gli utenti.

Tutto ciò – secondo Mencaroni – in aperta contraddizione con le promosse fatte più volte (conferenza dei capigruppo del 3 agosto e del 12 ottobre) dai consiglieri di maggioranza.

“Questa situazione è l’esempio che giunta e sindaco non vogliono mettere in pratica gli istituti previsti da statuto e regolamento, con l’effetto di depotenziare il ruolo del Consiglio comunale con gli odg che rimangono lettera morta. Il governo della città doveva essere civico, ma così non è: si tratta, invece, di un’amministrazione non eletta dal popolo che non ha interesse alcuno a comprendere i bisogni della gente. Insomma quello del Comune di Perugia è un mostro giuridico, guidato da un sindaco assente che non si assume alcuna responsabilità, perché non vuole decidere. Di questo passo la città è destinata a sprofondare”.

Nilo Arcudi ha ricordato che il Comune, indipendentemente da chi governi, è un’istituzione che tutti dovrebbero amare e rispettare. Nel merito in conferenza dei capigruppo era stata condivisa da tutti la scelta di rinviare il Consiglio grande da settembre a novembre al fine di verificare gli effetti del nuovo servizio di refezione scolastica. C’era, in sostanza, un accordo tra capigruppo che, tuttavia, oggi la maggioranza non intende rispettare.

“Capisco che sindaco ed assessore Wagué vogliano nascondersi, ma ciò non implica che i consiglieri comunali debbano rimangiarsi la parola data in spregio alle istituzioni.

Credo che i servizi all’infanzia siano un tema centrale per la città che dovrebbe essere affrontato in un Consiglio grande nel confronto coi cittadini. Così, evidentemente, non è per la maggioranza”.

Il capogruppo Psi ha evidenziato che sulle mense, rispetto all’inizio del nuovo servizio, fortemente contestato da opposizione e genitori, molte procedure sono state corrette (acqua, grammatura del cibo, ecc.) in itinere; ciò significa che, come segnalato da Pd e Psi, la scelta originaria era sbagliata. “La verità è che l’esecutivo sta portando avanti solamente le opere varate dalle precedenti amministrazioni senza apportare alcuna innovazione né cambiamento per l’evidente mancanza di una guida politica”.

Tommaso Bori

Tommaso Bori ha giudicato assurdo che, nel corso della conferenza dei capigruppo di lunedì, rispetto a quanto espresso in precedenza, la maggioranza abbia votato contro l’individuazione della data per il Consiglio grande. “Ciò conferma che questa maggioranza, comprese le liste civiche divenute ormai ciniche, ha fatto della latitanza una strategia politica. La conseguenza di ciò è che a Perugia molte cose non vanno, specie per ciò che riguarda i servizi all’infanzia, per i quali sono stati disposti tagli del 25 per cento”. Proprio per queste ragioni i genitori avrebbero voluto un confronto franco sull’intera partita, ma la maggioranza ha preferito rifiutare ogni dialogo evidentemente per un senso di imbarazzo generale.

Secondo Sarah Bistocchi

Secondo Sarah Bistocchi la maggioranza ha perso una grande occasione di dimostrare che è composta da persone serie ed affidabili. Al contrario, dopo aver fatto promesse specifiche, per tre volte in due mesi il centro sinistra ha disatteso la parola data, a conferma del fatto che si vuole rimandare all’infinito un confronto per timore di aprire un dialogo coi cittadini.

Emanuela Mori ha segnalato che il Consiglio comunale non è un consiglio di amministrazione di un’azienda: “siamo eletti dal popolo ed è per queste ragioni che il nostro ruolo non può e non deve essere svilito come accaduto in questa ed altre circostanze. Ciò accade perché il presidente del Consiglio comunale non svolge la funzione di garante ed è totalmente asservito ad un esecutivo che sfugge al confronto con cittadini e consiglieri”. Secondo la consigliera Pd ci vuole rispetto per il ruolo delle opposizioni che svolgono un compito istituzionale, tramite atti di democrazia, ossia odg e interrogazioni. “A palazzo dei Priori sono entrati, sempre accompagnati dal suono delle campane, amministratori che hanno rappresentato democraticamente la città. Mi aspetto che anche chi governa ora faccia la stesso”.

Erika Borghesi

Erika Borghesi ha ricordato come nel recente passato le amministrazioni di centro-sinistra, nonostante la crisi economica, abbiano curato con estrema attenzione i servizi all’infanzia e sociali in genere. Oggi l’attuale giunta non sta facendo lo stesso, pur avendo al suo interno un assessore che per molti anni ha collaborato professionalmente con le cooperative sociali.

“A Perugia attualmente vi sono tante criticità in diverse aree della città, come emerso durante il Consiglio grande tenutosi qualche mese fa a Ponte San Giovanni. Quell’esperienza, evidentemente, ha segnato la maggioranza che, pensando ad una possibile vetrina, si è trovata in difficoltà. Queste, probabilmente, sono le ragioni del fatto che oggi quella stessa maggioranza preferisce sottrarsi al confronto”. Secondo la rappresentante del Pd il Consiglio comunale è mortificato da una situazione assurda, con continui litigi in seno alla maggioranza e tra assessori e consiglieri. “Noi, tuttavia, continueremo ad operare con coerenza, pur restando esterrefatti dalla perdita del senso delle istituzioni”.

L’incontro con la stampa è stato chiuso dall’intervento della consigliera Alessandra Vezzosi: “la scelta di privatizzare molti servizi, compresi quelli di refezione scolastica, è prettamente politica. Visti i disagi che sono stati segnalati dai genitori, noi continueremo a vigilare esercitando fino in fondo il nostro compito di controllo”.

Anche Vezzosi ha segnalato che appare incongruente la scelta di non convocare il Consiglio grande, trattandosi di uno strumento previsto nello stesso programma di mandato del sindaco. Parimenti incomprensibile è la volontà dell’esecutivo di sottrarsi al confronto con i cittadini, il cui unico obiettivo resta quello di trovare soluzioni condivise per risolvere le molteplici criticità emerse. Si pensi ai tagli imposti finora alle attività extrascolastiche; su questa partita la speranza è che nell’ormai prossimo assestamento di bilancio si cambi registro.

“L’esternalizzazione del servizio-mensa è stata prospettata come un risparmio per le casse comunali; su questo permangono molti dubbi che solamente i documenti potrebbero chiarirci. Tuttavia anche su questo versante ci stiamo scontrando con enormi difficoltà nell’accedere agli atti. Evidentemente questo ostruzionismo conferma che ci saranno in futuro spese ancora maggiori in capo all’amministrazione e, di conseguenza, per i cittadini”. La consigliera ha preannunciato l’intenzione da parte di Pd e Psi di presentare una proposta alternativa sul servizio mense, visto che quella varata dalla giunta non funziona.

Consiglio grande

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*