Pietrelli M5s: “Il caso delle nomine OIV arriva in Parlamento”

Il sindaco Romizi, ha provveduto a nominare i componenti in seno all'OIV contravvenendo agli indirizzi e al parere non favorevole del Dipartimento della Funzione Pubblica

M5S Perugia Michele Pietrelli a Romizi: "Alla trasparenza non si rinuncia"
michele petrelli

Pietrelli M5s: “Il caso delle nomine OIV arriva in Parlamento”

Da Michele Pietrelli (portavoce M5S in Consiglio Comunale di Perugia) – Il portavoce in consiglio comunale Michele Pietrelli torna sul tema della designazione dei componenti dell’Organismo Indipendente di Valutazione (OIV).

Alcuni mesi fa il comune di Perugia ha provveduto a nominarne i membri trasmettendo al Dipartimento della Funzione Pubblica i curricula vitae dei candidati individuati.

Successivamente, lo stesso dipartimento ha espresso parere non favorevole alla nomina di due componenti, in quanto risultano già membri O.I.V. del comune di Assisi. Come già spiegato nella nostra interrogazione, il sindaco Romizi, ha provveduto a nominare i componenti in seno all’OIV contravvenendo agli indirizzi e al parere non favorevole del Dipartimento della Funzione Pubblica espressosi in conformità con quanto previsto dall’Autorità Nazionale Anticorruzione: nessun componente può appartenere contemporaneamente a più Organismi indipendenti di Valutazione o Nuclei di valutazione (Delibera 12/2013). Ora sulla vicenda è stata rivolta un’interrogazione parlamentare presentata in commissione dalla portavoce Tiziana Ciprini e cofirmata dai colleghi Gallinella, Tripiedi, Chimenti, Cominardi, Dall’Osso e Lombardi.

Il comune di Perugia, certamente, non è l’unico ente che contravviene alle regole, non rispettando i requisiti di esclusività del rapporto per le nomine dell’ OIV, nonostrante l’importanza del ruolo di cui i membri sono detentori ovvero di controllo e monitoraggio del sistema di valutazione e trasparenza dell’attività amministrativa pubblica.

In particolare:

a) monitorano il funzionamento complessivo del sistema di valutazione, della trasparenza e integrità dei controlli interni ed elaborano una relazione annuale sullo stato dello stesso;

b) comunicano tempestivamente le criticità riscontrate ai competenti organi interni di governo e di amministrazione, nonché alla Corte dei Conti, all’ispettorato della funzione pubblica e all’ANAC;

c) garantiscono la correttezza dei processi di misurazione e valutazione;

d) propongono all’organo di indirizzo politico-amministrativo la valutazione annuale dei dirigenti di vertice e l’attribuzione ad essi dei premi;

e) promuovono e attestano l’assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza e all’integrità;

f) verificano i risultati e le buone pratiche di promozione delle pari opportunità;

Il mancato rispetto degli indirizzi e pareri stabiliti in materia di requisiti di esclusività del rapporto dei membri degli OIV, non prevede purtroppo, al momento, sanzioni atte ad impedirne l’inosservanza. Ciò nonostante , a nostro giudizio, vista la rilevanza del ruolo risvestito è necessario agire con irreprensibilità per garantire correttezza e massima trasparenza.

Rimaniamo in attesa della risposta del Sindaco alla nostra interrogazione e ora anche quella delle istituzioni nazionali.

Pietrelli

1 Commento su Pietrelli M5s: “Il caso delle nomine OIV arriva in Parlamento”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*