Perugina, Ciprini (M5S): “Appoggio agli ex lavoratori pronti alla cooperativa”

La deputata è prima firmataria di una risoluzione, approvata in Parlamento, a favore dei Workers Buy Out, i lavoratori che recuperano le imprese in crisi con lo strumento della cooperazione

Ciprini M5s: “No alla realizzazione di un nuovo inceneritore"

“Accolgo con favore l’idea da parte di alcuni ex dipendenti dello stabilimento ‘Perugina’ di voler costituire una cooperativa di lavoratori che rilevi i prodotti dismessi da Nestlè, garantendo così l’occupazione per l’anno intero e non solo per la stagione di punta”. 

Lo afferma la deputata del M5S Tiziana Ciprini, prima firmataria di una risoluzione, approvata in Parlamento, a favore dei Workers Buy Out, ovvero i lavoratori che recuperano le imprese in crisi con lo strumento della cooperazione.

“Il Wbo – continua la parlamentare – è uno strumento sempre più utilizzato in questi ultimi anni di crisi e, in Umbria, alcune aziende sull’orlo del fallimento sono già state risanate grazie agli ex dipendenti riusciti a far rinascere una nuova impresa, portando così avanti la produzione, salvaguardando i livelli occupazionali e il know how: pensiamo alla Stile di Città di Castello, alla GBM di Perugia e alla Fail di Marsciano.

Esempi virtuosi, che dimostrano come il Wbo possa diventare a tutti gli effetti uno strumento di riscatto sociale a favore di un’economia che parte ‘dal basso’ e, di conseguenza, vantaggioso per l’indotto e per il rinnovamento del tessuto produttivo, tra l’altro con una positiva incidenza sul bilancio dello Stato. 

Il Wbo incarna, inoltre, lo spirito vero della cooperativa, in cui parole come lavoro, solidarietà aziendale, paritario coinvolgimento dei soci lavoratori e spinta intergenerazionale prendono il posto di quelle come lucro, speculazione, sfruttamento.

La nostra risoluzione – prosegue Ciprini – oltretutto, impegna il Governo a incoraggiare le start-up di cooperative provenienti da Workers buy out attraverso forme di decontribuzione e agevolazioni fiscali, oltre a forme di garanzia pubblica sui finanziamenti per incoraggiare l’accesso al credito

Il Movimento 5 Stelle è dalla parte dei lavoratori che non si arrendono, e favorisce tutto ciò che rende i cittadini padroni del loro futuro. Per questo importanti aziende come la ‘Perugina’, grazie allo strumento del Wbo, possono tornare ad essere protagoniste del rilancio del nostro Paese, contro speculazioni finanziarie e desertificazione occupazionale.

Nelle prossime ore – conclude Ciprini – mi farò portavoce della proposta degli ex dipendenti presso la Viceministro allo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova, che segue la vicenda Nestlé-Perugina, anche alle luce della situazione di stallo che si è venuta a creare ai tavoli del Mise, dove la parola ‘cancellare’ gli esuberi è stata sostituita con ‘ridurre’ gli esuberi”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*