Perugia, sicurezza, il comitato ha fatto il punto della situazione

Polizia
Polizia
Polizia

PERUGIA – Comitato per la sicurezza e vertice tra le forze dell’ordine ieri a Perugia, convocato dal Prefetto Reppucci per fare il punto della situazione sui temi caldi.
Il dato più confortante è che nei primi mesi del 2014 si registra una forte diminuzione di furti a Perugia, dopo i recenti arresti da parte delle Forze dell’Ordine. Positivi anche i risultati della lotta allo spaccio di stupefacenti, che già negli ultimi tre mesi del 2013 aveva fatto registrare dati confortanti.
“Per noi – ha spiegato il prefetto Reppucci – sono fondamentali le segnalazioni dei cittadini. E la sicurezza partecipata ha sicuramente fatto grandi passi in avanti in città. Anche nel rapporto con i commercianti. Arrivano segnalazioni che permettono alle forze dell’ordine di operare al meglio. Ma ho sottolineato, durante i lavori del Comitato, anche  l’importanza dei controlli degli affitti in nero e la massima attenzione alle infiltrazioni malavitose, quelle delle mafie”.
“L’incontro fra le Istituzioni e i rappresentanti del mondo commerciale – è stato riferito dalla prefettura – ha offerto l’occasione di un dialogo proficuo e fecondo, con uno scambio di idee ed impressioni utili ad inquadrare i problemi del centro cittadino nella loro vera luce, al di là della percezione di sicurezza fortemente alterata, che peraltro non trova corrispondenza nei dati statistici: nei primi mesi del 2014, infatti,  si è registrata una forte contrazione del numero di furti e rapine nel centro storico ed un contemporaneo aumento dell’incidenza percentuale dei reati dei quali sono stati scoperti gli autori, a conferma dell’efficacia delle strategie di prevenzione e contrasto della criminalità messe in campo nei mesi scorsi, come testimoniato da arresti e allontanamenti, e grazie anche ad una riscontrata positiva collaborazione dei cittadini che hanno fatto pervenire utili indicazioni e segnalazioni di criticità e di reati in fieri”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*