Perugia, segnaletica orizzontale mancante in via della Pallotta

Si predica bene ma si razzola male!

Perugia, segnaletica orizzontale mancante in via della Pallotta

Perugia, segnaletica orizzontale mancante in via della Pallotta

da Giampiero Tamburi (Coordinatore Perugia: Social City)
PERUGIA -“Oh, quanta strada nei miei sandali. Quanta ne avrà fatta Bartali”. In questa occasione ci ricordiamo dei versi di questa vecchia canzone ma, mentre il Gino nazionale riscuoteva un successo dopo l’altro, noi di “PERUGIA: SOCIAL CITY” non riusciamo a farci considerare, da chi dovrebbe e siamo completamente trasparenti, quando andiamo a chiedere soluzioni per i problemi dei cittadini.

Il 16 novembre scorso, quando siamo andati a “postulare” (si, è proprio la parola giusta) dal Sindaco per alcuni problemi gravi che da molti anni, sicuramente troppi, angustiano i residenti della Pallotta, abbiamo anche fatto la richiesta di mettere in opera la segnaletica stradale orizzontale, necessaria dopo che, circa un mese fa, è stato rifatto il manto stradale.

Non è un problema da poco, come a prima vista potrebbe sembrare, perché riguarda direttamente la incolumità di chi si trovasse a dover attraversare la strada in quanto non esistono attualmente, in quella strada considerata di altissimo traffico, neanche uno straccio di strisce pedonali per poterlo fare in tutta sicurezza.

Lo stato in cui viene lasciata e che determina una enorme mancanza di sicurezza, male si concilia con la priorità di chi effettua i lavori nelle nostre strade. Priorità che dovrebbero essere in cima alle liste di coloro ai quali vengono affidati certe responsabilità.

Poi, se consideriamo questa necessità sotto un altro aspetto, dobbiamo ancora di più rammaricarci di ciò perché questi atteggiamenti denotano una grave dicotomia di comportamento dei nostri politici/amministratori comunali perché, se da un lato si prodigano nelle scuole di istruire in un coretto atteggiamento di sicurezza stradale i nostri giovani, dall’altra non sono capaci, in pratica, di produrre gli strumenti necessari per poterlo mettere in atto.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*