PERUGIA, COMUNALI, ROSI (NdC), “SERVE UNA SVOLTA”

4998878210_c491310bdc_o

“A due mesi dalle elezioni politiche il sindaco di Perugia si accorge che nella nostra città c’è bisogno che le istituzioni siano accanto ai cittadini e facciano sentire la loro presenza sul territorio. Oggi più che mai il centrodestra ha l’occasione di vincere”.  Così il consigliere regionale Maria Rosi (Nuovo centrodestra) che vuol lanciare un appello “a tutti i cittadini che negli anni si sono sempre lamentati ma poi non hanno mai avuto il coraggio di non rispondere all’ordine di scuderia, pur sapendo che non era giusto. C’è bisogno di una svolta epocale per i nostri figli e per la nostra città, realizziamola tutti insieme”. Rosi affida ad una nota la sua riflessione sull’operato dell’amministrazione di centrosinistra del capoluogo di regione, dopo le dichiarazioni fatte dal sindaco Boccali in questi giorni, riguardanti appunto una maggiore presenza degli amministratori pubblici sul territorio .

“E’ dall’inizio della legislatura – scrive Rosi – che i perugini vivono  in una situazione di forte disagio. Lui lancia il tour solo ora a febbraio 2014, a ridosso della  scadenza del suo mandato. Spero che i perugini non siano cosi sciocchi da credere alle favole puramente pre-elettorali. Perugia è la capitale della droga europea e il nostro amato sindaco cosa ha fatto oltre che chiacchiere e tavoli infiniti? Cosa ha fatto  per il problema della sicurezza?  I perugini hanno bisogno di persone che si impegnino per realizzare i programmi e lo facciano con passione e dedizione verso la città.  Basta con comunicati sterili  che riempiono solo le pagine dei giornali o dei volantini. Oggi c’è bisogno di concretezza: occorre ritornare alla politica di servizio e di rinuncia. Basta – aggiunge – con i politicanti che fanno questo di mestiere e che, non avendo altri lavori, hanno bisogno di una poltrona”.

“Dobbiamo rivitalizzare il centro storico – continua Rosi – per ridarlo non solo ai perugini, ma anche ai commercianti, che hanno speso parte della loro vita per mantenere vive le tradizioni della nostra città, anche a costo di rimetterci. La sinistra non solo ha fallito come amministrazione della città, ma ha fallito come amministratore della partecipate pubbliche: basta vedere i problemi emersi con Umbria Mobilità, Gesenu e Umbria Acque. E’ il  momento di realizzare le idee e di ricostruire sulle macerie del Pd. Ai perugini e più in generale agli umbri non interessano le lotte interne ai partiti che monopolizzano da giorni i giornali, probabilmente vorrebbero che da entrambe le parti si facesse un confronto leale sui temi importanti”.

“Oggi – conclude Rosi – il centrodestra ha l’opportunità di fare la differenza, di scegliere in maniera unitaria un programma serio e scegliere la persona che sia la più giusta non per una logica di partito, ma per la passione e l’amore che sono indispensabili a realizzare finalmente cose concrete per il capoluogo dell’Umbria. Grande responsabilità spetta ai perugini, che devono dimostrare coraggio nello scegliere, non pensando alla propria pratica o al posto di lavoro, ma valutando la persona e le idee”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*