Perugia, articolo 26, ancora una volta il Sindaco messo in minoranza dalla sua stessa maggioranza!

“Perugia: Social City” pensa che il nostro Sindaco un momento di riflessione su una situazione del genere dovrebbe perdercelo

Perugia, articolo 26, ancora una volta il Sindaco messo in minoranza dalla sua stessa maggioranza!

Perugia, articolo 26, ancora una volta il Sindaco messo in minoranza dalla sua stessa maggioranza!

da Giampiero Tamburi  (Coordinatore Perugia: Social City)
Al di là dell’aspetto tecnico-amministrativo sulla questione dell’art. 26 del Regolamento Comunale che senz’altro rappresenta un aspetto molto importante nella gestione del nostro Comune, resta da considerare quello, altrettanto importante se non addirittura superiore, politico. Un momento altamente significativo per la credibilità del primo cittadino e, altrettanto, per la Giunta che lo sostiene.

Se il M5S si è astenuto nella votazione, cosa che dal punto di vista di responsabilità politica è oltremodo significativo e alquanto dubbioso come strumento per affermare le proprie idee, resta il voto di un consigliere della maggioranza che ha detto “no”, cambiandone in modo sostanziale l’esito.

Perugia: Social City” pensa che il nostro Sindaco un momento di riflessione su una situazione del genere dovrebbe perdercelo, per poter decidere se continuare su questi toni o, cosa molto più sensata, chiedere la fiducia alle forze che lo sostengono.

Se qualcuno della sua stessa maggioranza ha votato non allineato, secondo i dettami del “…ti dico di votare così e tu voti così e ti allinei…”, normale imposizione della consolidata prassi dell’ubbidienza politica, una ragione plausibile ci sarà stata. E il consigliere in questione, per come lo conosciamo, ce ne spiegherà i suoi validi motivi.

Per come abbiamo la capacità di vedere la questione, ci sembra che, non allineandosi, sia stato consumato un puro esempio di DEMOCRAZIA che ha permesso una crescita politica nella conduzione amministrativa del nostro Comune: e scusate se è poco! Sarà nostra cura informarvi nei ulteriori sviluppi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*