Per Gramsci 1989 di Colombo Manuelli, Bori, da curare e valorizzare

inserimento progetto riqualificazione Fontivegge della valorizzazione

Per Gramsci 1989 di Colombo Manuelli, Bori, da curare e valorizzare

Per Gramsci 1989 di Colombo Manuelli, Bori, da curare e valorizzare

Purtroppo non è molto noto che a Piazza del Bacio, per la precisione accanto alla ciminiera della ex Perugina, è collocata un’opera realizzata da Colombo Manuelli, artista di fama internazionale, dal titolo “Per Gramsci 1989”. Antonio Gramsci è stato un politico, filosofo, giornalista, linguista e critico letterario italiano. Nel 1921 fu tra i fondatori del Partito Comunista d’Italia, divenendone suo segretario e pensatore dal 1924 al 1927. E’ considerata una delle più importanti personalità del XX secolo. Le undici file di pietre da cui è formato il muro rappresentano gli anni di carcere che l’intellettuale sardo fu condannato a scontare, l’unico mattone caduto nella versione originale era sostituto da uno dei libri di Gramsci, a simboleggiare la forza delle idee che evade da ogni prigione”.

E’ evidente che si tratta di un’opera artistica simbolica per Perugia, che va valorizzata nel miglior modo possibile: il prossimo 22 gennaio si festeggerà l’anniversario della nascita di Antonio Gramsci e questa può essere un’occasione per celebrare e promuovere la presenza di questa importante opera nella nostra città, in modo da renderla conosciuta ai più. Per questo ho presentato un ordine del giorno con cui chiedo a Sindaco e Giunta di portare avanti la delibera già votata in Consiglio Comunale e proposta dall’ex consigliere comunale Nicola Mariuccini e di procedere agli interventi necessari al fine di curare e valorizzare al meglio l’opera “Per Gramsci 1989” realizzata dall’artista internazionale Colombo Manuelli e ubicata in zona Fontivegge, in particolare una migliore illuminazione e segnalazione dell’opera artistica e di inserire nel piano di riqualificazione per Fontivegge alcuni interventi specifici per l’opera e un piano di pubblicizzazione in campo turistico e culturale.”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*