PD contro PD, Liberati M5S: “Una giornata da dimenticare”

Testo unico urbanistica, approvate a maggioranza le modifiche

PD contro PD, Liberati M5S: “Una giornata da dimenticare”.
LA MARINI CHIEDE DI ANNULLARE IL CONSIGLIO COL PRETESTO DI UNA RIUNIONE A ROMA; BREGA VOLERA’ IN EUROPA, PAPARELLI GIA’ IN BRASILE. GUASTICCHI SI LIMITA ALLA CAPITALE. SE SI PROSEGUE COSI’, OGNI CONSIGLIO REGIONALE E’ A RISCHIO.

Al momento in cui viene diffuso tale comunicato -ore 18- ancora non si capisce se la seduta di Consiglio Regionale dell’Umbria di domattina sia sconvocata o meno: e ciò a causa di una missiva che oggi ha fatto molto discutere tutti i gruppi politici.

La presidente Catiuscia Marini chiederebbe “cortesemente di rinviare i lavori dell’Assemblea”, a seguito di una “riunione politica del Comitato interministeriale per gli Affari europei (CIAE)”, da tenere domani a Roma e in cui però, nei documenti a noi trasmessi, la medesima Marini non compare affatto tra gli indirizzi in epigrafe.
Inoltre, con una semplice ricerca su Google, non emergono associazioni tra il CIAE e la predetta Marini, https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=%22comitato%20interministeriale%20per%20gli%20affari%20europei%22%20%22catiuscia%20marini%22
Secondo taluni, la Marini avrebbe tuttavia una delega in materia, delega che però non è trascritta, né rinvenibile da alcuna parte.

Pertanto nell’odierna Conferenza dei capigruppo mi sono permesso di far notare la pretestuosità di tale richiesta, considerando che, se è vero che la Marini deve essere presente alle sedute dell’Assemblea, lo svolgimento delle stesse sedute non può certo essere compromesso dalle assenze della Marini medesima, anche considerando che il martedì è giorno tradizionalmente deputato all’Aula e la riunione di Aula di domani era già fissata da settimane.

In questo caos politico totale fioccano intanto le più colorate missioni istituzionali.
Brega sarà domani a Bruxelles per il Comitato delle Regioni; Paparelli è già ospite della presidenza del Brasile, mentre Guasticchi si trasferirà a Roma, con l’impossibile proposito di affrontare il disastro Renzi sulle Province.
Quattro consiglieri PD assenti su dieci. Si può proseguire così?
Un simile contegno è davvero rispettoso degli altri membri dell’Assemblea e soprattutto dei cittadini e dell’istituzione medesima?

Il tutto a voler tacere dell’ulteriore disordine -e uso un eufemismo- con cui il PD ha affrontato il rilevantissimo tema del “No alle trivelle” prima in Commissione e poi in Conferenza dei capigruppo, trascinando nel suo baratro anche quella significativa parte della maggioranza che, come noi, aveva già sottoscritto la richiesta di un referendum che il PD stesso, per il tramite del presidente dell’Assemblea, Donatella Porzi, aveva correttamente proposto ai consiglieri una settimana fa: PD contro PD, una giornata da dimenticare.

Prendiamo atto che, pure con questi artifizi, si comprimono i diritti democratici sia dei membri del Consiglio che degli stessi cittadini: una microscopica élite locale, contro gli interessi dell’Umbria, contro la logica e contro le decisioni assunte dal PD in altre Regioni, qui ostacola il ricorso a un istituto che ha spesso contribuito a riscrivere la storia d’Italia. Cui prodest? Eni? BP? Altri?

Andrea Liberati – M5S Regione Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*