Parchi pubblici Perugia, Emanuela Mori, Pd, serve una svolta

si tratta di qualcosa di "vivente" e deperibile - è bene essere consapevoli

erugia, aree attrezzate nei parchi cittadini, Mori, dopo 9 mesi ancora nulla

“I parchi e i giardini sono da sempre luoghi eletti e privilegiati: legati al territorio e alla comunità non solo per valenza estetica, ma come simbolo della condivisione di un bene da parte della collettività. Rappresentano quindi uno straordinario patrimonio culturale della cui importanza e fragilità – si tratta di qualcosa di “vivente” e deperibile – è bene essere consapevoli insieme alla necessità di un’accurata e costante tutela davanti al rischio oggettivo di essere subalterni rispetto ad altre priorità nell’economia dell’amministrazione della cosa pubblica.

Sostenendo da sempre tali idee, ho presentato questa mattina un’ interrogazione in cui chiedo di riferire all’assise comunale quali siano le strategie, ammesso che vi siano, per restituire dignità al verde cittadino e ai suoi fruitori. Non basta certo l’ennesimo tour mediatico con pedalata assistita del vicesindaco Barelli, organizzato per fotografi e giornalisti, seguendo il filo dei recenti sfalci d’erba per dare risposte alle molteplici segnalazione dei cittadini che con foto e articoli denunciano, ormai quotidianamente, uno stato di degrado e abbandono mai raggiunto.

Il vicesindaco si è fatto carico di porre l’attenzione sul verde cittadino, rendendosi conto solo da poco, evidentemente, di quanto in passato si era fatto per rendere la città e le periferie dei piccoli centri di aggregazione e di ritrovo dove non mancasse un parco, dei giochi, un percorso verde se possibile…

Bene, è ora che da tour e da conferenze stampa venga alla luce un’azione di governo, un progetto, una sensibilità che non sia solo sbandierata del risparmio che si traduce di fatto in carenza. “

1 Commento su Parchi pubblici Perugia, Emanuela Mori, Pd, serve una svolta

  1. Credo che il PD (e affiliati) sia l’ultimo ad aver voce in capitolo su questo argomento. Già, il recuperare dignità al centro storico è stata impresa ardua. Ora, al posto di dare sostegno ad una azione intrapresa da altri al fine di recuperare un minimo di credibilità, questa allegra brigata ha energie per azioni propagandistiche? Che indirizzino le loro energie nel recupero di una dignità sottratta alla cittadinanza!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*