Omofobia, Presidente Porzi, è rinvio tecnico, non mana la volontà della politica

Così la presidente dell'Assemblea legislativa Donatella Porzi sulla discussione dell'atto contro l'Omofobia

Terremoto, Presidente Porzi, Umbria si rialza con tenacia

Omofobia, Presidente Porzi, è rinvio tecnico, non mana la volontà della politica PERUGIA – “L’atto: ‘Norme contro le discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale’ è stato iscritto all’ordine del giorno in maniera erronea e non è stato discusso per un problema procedurale che provvederemo a sanare quanto prima, riportando il provvedimento all’ordine del giorno già dalla prossima settimana”. Così la presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi sulla discussione dell’atto contro l’Omofobia, per il quale ha anche incontrato le associazioni Arcigay e Omphalos, in un momento di sospensione dei lavori dell’Assemblea.

La presidente Porzi tiene dunque a precisare che “si tratta solo di un problema procedurale e non certo politico, considerando che la legge era finanziata per l’esercizio 2015, dal bilancio di previsione 2015–2017 con disponibilità nel Fondo speciale per i provvedimenti legislativi in corso. La normativa prevede però che le quote non utilizzate di tali Fondi speciali, per la copertura di spese derivanti da provvedimenti legislativi in corso di approvazione da parte dell’Assemblea, ma non approvati entro il termine dell’esercizio, rimangono accantonate e destinati ai relativi provvedimenti legislativi, purché tali provvedimenti siano approvati entro il termine dell’esercizio immediatamente successivo.

Dopo tale data – continua – l’accantonamento perde il vincolo di destinazione e non è più rinvenibile in bilancio. Con i pareri tecnici degli uffici, che hanno dichiarato quindi l’impossibilità dell’iscrizione dell’atto sull’Omofobia all’ordine del giorno dell’Assemblea, la norma è stata rimandata perché priva di copertura finanziaria, così come previsto dal vigente regolamento. Tale situazione – conclude – sarà però sanata quanto prima, con l’atto che tornerà in Aula per la definitiva discussione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*