“Nuvola” contro “Dudù”, anche i cani “scendono” in campo per le elezioni

emanuela mori e nuvola(umbriajournal.com) PERUGIA – “E’ in continua crescita la presenza degli animali domestici all’interno delle famiglie e questo porta a cambiamenti necessari  affinchè la città possa essere vissuta pienamente e rispettosamente anche dai cittadini che possiedono un cane. A Perugia l’attenzione e la sensibilità nei confronti degli amici a 4 zampe sono in aumento, sia per merito di cittadini motivati, ma anche di associazioni competenti e di istituzioni che se ne occupano”. Emanuela Mori, candidata nella lista Pd per il consiglio comunale di Perugia ed appassionata di animali (anche lei ha una cagnolina di nome Nuvola adottata a Collestrada), vive in prima persona queste problematiche ed afferma che “sicuramente ci sono numerosi aspetti da prendere in considerazione e da migliorare”.

“Un atto concreto degli ultimi mesi – ha precisato Mori –  è stata l’approvazione da parte del Comune di Perugia del progetto preliminare per la riqualificazione del canile pubblico comunale di Collestrada, sezione sanitaria. Fra le priorità porrei maggior impegno nella lotta ai bocconi avvelenati, migliore cura e controllo delle 11 “aree per cani in libertà”, agevolazioni per la microcippatura e la sterilizzazione e, infine, consentire l’accesso agli animali ai mezzi pubblici (sul minimetrò è concesso solo a quelli di taglia piccola)”.

“Un’ulteriore proposta – conclude la candidata – è quella di una zona dedicata agli animali che non ci sono più. Il progetto di un ‘cimitero’ per i nostri amici pelosi che ci hanno lasciato è stato concretizzato da sempre più comuni a seguito delle tante richieste dei cittadini. Questi alcuni dei punti, direi prioritari, su cui puntare, ma è solo con la collaborazione di tutti i cittadini, e con  le loro ulteriori proposte, che possiamo cercare di  migliorare la nostra vita cittadina insieme ai nostri amici animali e farne una città a misura dei 6 zampe, cittadino più cane”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*