Nuovo acquedotto Terria, Liberati M5s: «Inutile e devastante»

Un insulto a storia e comunità locali: già presentata interrogazione urgente M5s in regione.

Andrea Liberati (M5s), il pressapochismo della politica sul terremoto

Nuovo acquedotto Terria, Liberati M5s: «Inutile e devastante»

da Andrea Liberati – M5S Regione Umbria
Il M5S si oppone totalmente al progetto di devastare con un megatubo la nostra pregiata Valnerina – zone severamente vincolate e sotto protezione europea: su questo tema abbiamo già presentato da giorni un’interrogazione urgente a Catiuscia Marini.

Siamo infatti dinanzi al solito maxiappalto -oltre 20 milioni di euro- portato avanti in totale opacità e silenzio, senza la minima partecipazione delle comunità locali, senza un report idrogeologico serio e condiviso. Soprattutto senza senso.

Un’idea affatto utile a dissetare i ternani, ma certamente necessaria a saziare gli appetiti delle più diverse clientele, alimentando nuovo malaffare: è invece possibile percorrere alternative serie e praticabili rispetto a tale assurdo progetto che, peraltro, a causa delle sorgenti di alveo di cui vive, comporterebbe l’ulteriore riduzione della portata del fiume Nera, già ridotto a rigagnolo per lunghi tratti della Media e Bassa Valnerina a causa delle derivazioni idroelettriche. Anzi: è proprio su queste derivazioni che si può e si deve lavorare per ricercare quell’acqua che manca, senza nuovi impatti e senza spendere un euro di risorse pubbliche.

Chiediamo pertanto l’immediata convocazione di un tavolo regionale alla presenza di nostri geologi, comitati e associazioni. Si investano 20 milioni di euro nel Turismo, anziché buttarli via in questo modo. Un’autentica vergogna.

Nuovo acquedotto Terria

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*