Nuovi varchi di accesso al Broletto, ingressi differenziati

Il nuovo sistema è stato attivato oggi in via sperimentale, alla inaugurazione la presidente Marini

Nuovi varchi di accesso al Broletto, ingressi differenziati

Nuovi varchi di accesso al Broletto, ingressi differenziati

In via sperimentale è stato attivato oggi, lunedì 21 dicembre, alla presenza della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e dell’assessore regionale al personale, Antonio Bartolini, il nuovo sistema di accesso agli uffici regionali del Broletto che consentirà una migliore fruizione dei servizi e garantirà anche maggiore sicurezza sia ai visitatori sia ai dipendenti regionali. Con il nuovo sistema sono stati creati tre diversi varchi di accesso.

Il primo dedicato ai cosiddetti “visitatori generici” e cioè a qualsiasi persona che voglia accedere negli uffici regionali senza appuntamento. Queste persone avranno l’ingresso al piano terra del Broletto dove è situato un Front-office in cui il personale addetto al servizio indirizzerà verso gli uffici competenti.

Un secondo ingresso (portineria centrale), sempre al piano terra, sarà invece dedicato ai “visitatori attesi” e cioè a coloro che hanno un appuntamento con personale o struttura dell’ente. Rientrano in questa fattispecie i partecipanti a riunioni, tavoli istituzionali conferenze stampa e briefing. La comunicazione alle portinerie degli appuntamenti deve pervenire dagli uffici regionali, di norma il giorno prima dell’incontro. Infine un ingresso, al piano -1, è riservato al personale dell’Amministrazione regionale e cioè assessori e staff, direttori, dipendenti, collaboratori non dipendenti ed agli utenti diversamente abili.

L’orario di apertura al pubblico delle sedi regionali è previsto dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 15 alle 17 dei giorni dal lunedì al giovedì, e dalle ore 9 alle ore 13 del venerdì. La sperimentazione di questi nuovi sistemi di accesso durerà fino al prossimo febbraio 2016 e successivamente sarà estesa a tutte le sedi regionali.

varchi di accesso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*