Nomine sanità, segreteria Pd Umbria: “Ricucire gli strappi”

L'Umbria è abituata al buon governo e gli umbri hanno alte aspettative da questa amministrazione

Festa de l'Unità a Perugia, Giacomo Leonelli, grande partecipazione alle iniziative
Giacomo Leonelli

Nomine sanità, segreteria Pd Umbria: “Ricucire gli strappi”

La Segreteria Regionale del Pd Umbria esprime forte preoccupazione per il clima ed i per toni che in questi giorni si sono registrati nel dibattito interno.

È forte il rischio di incomprensione da parte degli umbri e di allontanamento dei nostri elettori che, pur nella legittima varietà di posizioni e diverse sensibilità che caratterizzano i democratici, si aspettano dai propri rappresentanti senso di responsabilità ed equilibrio, specialmente in una materia cruciale dell’amministrazione regionale quale la sanità che tocca un bene primario di ogni cittadino.

Le sensibilità nella grande famiglia democratica rappresentano una delle nostre più grandi ricchezze, ma devono obbligarci ad un quotidiano esercizio di dialettica, comprensione ed accettazione delle posizioni diverse. Come in ogni squadra, nessuno può pensare di giocare da solo o, peggio, per sé stesso o per un’area politica che rappresenta. Perché la squadra è il Pd e non i pezzetti che lo compongono, si vince o si perde insieme.

L’impegno specifico che la segreteria chiede ai propri rappresentanti in Regione è quindi quello di tornare immediatamente al lavoro per ricucire gli strappi. In tal senso ha conferito ampio mandato al segretario al fine di ricomporre, dialogare e costruire un clima positivo intorno al governo dell’Umbria. Contemporaneamente verrà promosso dalla segreteria stessa un serio ed approfondito dibattito sulla organizzazione, sull’efficienza dei servizi e sulle prospettive della sanità regionale nella consapevolezza che questo è il primario interesse dei cittadini.

L’Umbria è abituata al buon governo e gli umbri hanno alte aspettative da questa amministrazione, cui pochi mesi fa hanno affidato un ampio mandato per innovare e riportare a crescere i nostri territori. Di questo dobbiamo tornare ad occuparci quanto prima, senza sprecare neanche un giorno di quelli che da qui al 2020 avremo a disposizione.

Nomine

2 Commenti su Nomine sanità, segreteria Pd Umbria: “Ricucire gli strappi”

  1. Fino agli anni 90 la sinistra era un monolite. Nessuna assunzione o nomina pubblica avveniva fuori da una precisa lottizzazione che accontentava tutti. Dopo tangentopoli tutto ha iniziato a cambiare. Perché rispettare la disciplina di partito quando di poteva agire direttamente usando la rappresentatività e le collocazioni di potere raggiunte? Nasce una cricca inamovibile e potente che al bene del Partito sostituisce il proprio e quello dei membri che la compongono.
    Il denaro pubblico amministrato della cricca di fatto, in mancanza di un partito che lo pretende può ora essere incanalato verso amici e strutture amiche purché si impegnino a ricambiare il favore.
    Ricucire lo strappo? ovvero trovare un accordo per continuare? No cara Anonima segreteria del PD Umbro. Bisogna ritrovare la via abbandonata in passato e cercare di ritrovare le motivazioni pe rcui nasce un “partito” e le sue motivazioni ideali or aperse in un rivolo di interessi personali. La vicenda delle nomine degli “amici che ricambiano”, ai posti di comando deve cambiare nell’interesse del partito e dei cittadini Umbri.
    Ci vuole una grande onestà intellettuale per ammettere che si è persa la strada e dire … mi dimetto perché non sono più adeguato al ruolo.

  2. Penso che sia giusto mettere i puntini sulle “i” era semplice e prevedibile che questo momento fosse arrivato…. ad oggi il rinnovamento chiesto dal governo PD come sottolineato da alcuni consiglieri capeggiati dal Sig. Guasticchi( non lo conosco ma su tutti apprezzo le enormi capacità politiche intellettuali e umane che tutti su Perugia gli riconoscono ), con questo spazio ai veri renziani e al rinnovamento gestito da chi a sposato il progetto Renzi sin dalla prima ora , io sto con Renzi e con chi dall inizio ci ha creduto!
    A buon intenditore poche parole!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*