Nomine in Sanità, Andrea Liberati (M5S), Giunta Marini in crisi

Catiuscia Marini è fatalmente destinata a pagare il prezzo del suo disimpegno civico e politico

Nomine in Sanità, Andrea Liberati (M5S), Giunta Marini in crisi

Conflitti di interesse con le coop, doppie e triple pensioni, scarsa o nulla propensione all’ascolto dei cittadini, mancanza di rispetto nei confronti dell’Aula e poi tanti viaggetti all’estero: Catiuscia Marini è fatalmente destinata a pagare il prezzo del suo disimpegno civico e politico, fatti gravi che, tra altre pessime cose, sono già valsi all’Umbria il crollo degli indici di qualità sanitaria, ampiamente denunciato nei giorni scorsi dal Movimento 5 Stelle.
E oggi quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini: l’omonimo assessore regionale alla Sanità (forse) si dimette e apre così una vera crisi istituzionale.
Intanto l’Aula è vuota da ore, nessuno della maggioranza si presenta e l’Umbria scade in una situazione completamente ingestibile: dopo tanti segni premonitori, ma inascoltati, esplodono all’improvviso problemi tenuti nascosti per decenni. 
Giungono impetuosamente al pettine i nodi del governo di cartapesta che da sempre gestisce un potere immobile, finora assecondato da una cappa politico-giudiziaria inaccettabile, anacronistica e certamente non più sostenibile. Fine dell’impunità?
 
Eppure, nel corso dell’ultima seduta, Catiuscia Marini era stata sprezzante coi cittadini e col M5S, profondendosi in veri e propri deliri di onnipotenza:”Liberati, io arriverò al 2020, capito?” Probabilmente si riferiva all’orario: arriverà a malapena alle 20.20 di stasera e pure l’apericena, cara a politici viziati dal privilegio, potrebbe andarle di traverso.
Suvvia Catiuscia: il tempo della propaganda è esaurito. 
Sebbene in passato pochi ti abbiano visto anche in Legacoop, è febbrile l’attesa degli umbri per un tuo rapido in quell’associazione, perché su quegli ambiti sembri perfettamente a tuo agio. E libera finalmente questi Palazzi e queste comunità dalla tua ingombrante e retriva presenza politica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*