Ncd, politiche, Monni: “l’ospedale è una struttura pubblica”

Massimo Monni
Massimo Monni
Massimo Monni

PERUGIA – Anche all’interno degli ospedali si possono trovare bacini di voti considerevoli se si sa come fare. E’ quello che sta accadendo all’ospedale di Foligno che, guarda caso, nel punto esatto dove vengono timbrati i cartellini di entrata e di uscita del personale, sono stati lasciati dei cospicui mucchietti di “santini” e materiale propagandistico elettorale del PD.

Questo è il solito atteggiamento deplorevole di un’esibizione sfacciata di chi detiene il potere.

Mentre nei confronti di candidati di altre partiti politici il clima che si respira è di tipo “terroristico”, per chi appartiene al PD tutto è concesso.

Va ricordato comunque che come altre strutture, anche l’ospedale è una struttura pubblica e come tale appartiene e rappresenta l’intera comunità e non di certo una sola fazione politica.

Ma il cattivo gusto e l’atteggiamento osceno è ancora più imbarazzante se si considera che tutto questo avviene all’interno dell’ospedale di Foligno, già sotto la lente d’ingrandimento per le vergognose vicende legate a “sanitopoli” che hanno indignato non poco la popolazione folignate e di tutta l’Umbria.

Ma la sfacciataggine e l’arroganza di chi detiene il potere non sembra avere limiti.

Senz’altro un pessimo esempio per la comunità che, suo malgrado, si trova a subire il governo di un’amministrazione prepotente.

Invito pertanto il Direttore Generale della USL 2 a prendere immediati provvedimenti per affrontare l’ultima settimana di campagna elettorale con un metodo di trasparenza e lealtà istituzionale, altrimenti, è evidente la sua responsabilità , partecipazione ed il suo benestare ad una sola fazione politica.

 

 

                                                                  Massimo Monni

                                                        Consigliere regionale NCD

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*