“Monk, il nuovo carattere dell’Umbria”: inaugurata mostra a Perugia

Dopo Expo Milano, Città di Castello e  Gubbio è approdata oggi, a Perugia, nella Loggia dei Lanari in Piazza Matteotti, la mostra “Monk, il nuovo carattere dell’Umbria”, che rimarrà aperta fino al prossimo 18 dicembre.  All’inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e  l’assessore regionale alla cultura, Fernanda Cecchini.

“Monk”, è stato  ricordato, è il  nuovo “font”, frutto del lavoro di  designer e comunicatori, coordinati dall’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, che hanno voluto creare un carattere capace di esprimere l’identità dell’Umbria, ibridando la regolarità della scrittura utilizzata negli “scriptoria” benedettini con quella spigolosa e gotica dei  francescani.

“Questo carattere  – ha detto la presidente Marini –  rappresenta uno dei segni tangibili della presenza dell’Umbria ad Expò,  in quanto ne costituisce espressione peculiare e distintiva, decisamente originale anche rispetto a quanto realizzato da altre Regioni.

Il progetto  Monk  – ha proseguito – racchiude infatti in sé le radici della cultura umbra, la conoscenza e la tradizione di questa terra,  aprendosi e prestandosi però alla scrittura digitale e ad una moderna visione della contemporaneità, dei suoi saperi e della sua capacità di innovazione.

Insomma – ha concluso la presidente –  una fusione simbolica tra passato e futuro, frutto di una indiscussa creatività che è capace di trasmettere conoscenza ed è  trasversale a quanto di più autentico l’Umbria sa esprimere e preservare, senza rinunciare a nuove sfide da cogliere ogniqualvolta se ne presenti la possibilità”.

Questa simbiosi tra passato e futuro, tradizione e innovazione, si coglie anche nell’allestimento della mostra dove moderne biblioteche, in materiale ecosostenibile, ospitano i nuovi caratteri, mentre supporti informatici e filmati in 3D sono a disposizione dei visitatori per poter interagire direttamente con il nuovo “Font” e   con le sue possibili  applicazioni.

monk

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*