Modifiche Testo Unico Agricoltura, sì unanime dell’aula

Con voto unanime, l'Aula di Palazzo Cesaroni ha dato il via libera alle modifiche e alle integrazioni della legge regionale '12/2015'

Modifiche Testo Unico Agricoltura, sì unanime dell'aula

Modifiche Testo Unico Agricoltura, sì unanime dell’aula

Con voto unanime, l’Aula di Palazzo Cesaroni ha dato il via libera alle modifiche e alle integrazioni della legge regionale ’12/2015′ (Testo unico in materia di Agricoltura), predisposte dalla Giunta regionale dopo l’impugnazione di fronte alla Consulta da parte del Governo nazionale. Dalla relazione sull’atto, illustrata dal presidente della Seconda Commissione,* Eros Brega*, è emerso che parte delle richieste di modifica al testo, evidenziate nell’impugnativa, sono state ritirate dal Governo, altre sono state invece accolte dalla Regione. Si tratta sostanzialmente di modifiche che allineano alla regolamentazione comunitaria il contenuto del Testo unico regionale dell’Agricoltura.

Unica questione rimasta in sospeso con il Governo riguarda l’articolo 48, su cui la Regione rimane ferma nella decisione di vietare la somministrazione di prodotti contenenti organismi modificati nei servizi di ristorazione collettiva di asili, scuole, università, ospedali, luoghi di cura, gestiti da enti pubblici e da soggetti privati convenzionati.

All’atto in discussione era stato abbinato un emendamento, concernente la “valorizzazione della tartuficoltura”, poi ritirato dal consigliere proponente, Claudio Ricci (Ricci presidente), a seguito del parere della Giunta regionale circa la “non conformità della proposta rispetto a normative europee vigenti”. Nello specifico, l’iniziativa di Ricci, il quale ha assicurato comunque di voler “approfondire ulteriormente la questione”, prevedeva la possibilità, per il coltivatore diretto o per l’impresa agricola di “predisporre, mettere a dimora e commercializzare piantine tartufigene, indicando le specie corrispondente con dicitura in italiano ed in latino, sotto la propria responsabilità”.

Testo Unico Agricoltura

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*