Modalità di partecipazione Valentini in Cina, Marini chiarisca

I consiglieri regionali del centrodestra e liste civiche chiedono alla presidente della Giunta regionale, Catiuscia Marini di “chiarire le modalità di partecipazione del suo consigliere politico Valentini alla recente fiera commerciale in Cina”, in caso contrario abbandonerebbero la prossima seduta dell'Assemblea legislativa”

Brexit, Catiuscia Marini, è giorno triste, Gran Bretagna fuori da Europa
Catiuscia Marini

Modalità di partecipazione Valentini in Cina, Marini chiarisca

I consiglieri regionali del centrodestra e liste civiche chiedono alla presidente della Giunta regionale, Catiuscia Marini di “chiarire le modalità di partecipazione del suo consigliere politico Valentini alla recente fiera commerciale in Cina”, in caso contrario abbandonerebbero la prossima seduta dell’Assemblea legislativa”. Gli esponenti dell’opposizione fanno sapere che “gli improbabili tentativi, con ipotesi di tutele legali, di intimorirci, rispetto ad un diritto sancito dei consiglieri di vigilare sull’amministrazione regionale, non produrranno effetti ed anzi aumentano l’opportunità di chiarire tutti gli aspetti della vicenda”.

“Se la presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini non chiarisce le modalità di partecipazione del suo consigliere politico Valentino Valentini alla recente fiera commerciale in Cina, abbandoneremo la prossima seduta dell’Assemblea legislativa”.

Così in una nota i consiglieri regionali del centrodestra e liste civiche (Raffaele Nevi-FI, Sergio De Vincenzi e Claudio Ricci-Rp, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini-Lega nord, Marco Squarta-FdI) ribadiscono che “è stata presentata una interrogazione, nei termini previsti dal regolamento dell’Assemblea (peraltro l’articolo 122 della Costituzione e l’articolo 57 dello Statuto regionale indicano che ‘i consiglieri regionali non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse’ nell’esercizio delle proprie funzioni), e in linea con i doveri di controllo.

È un diritto chiedere informative – puntualizzano – quando, come nel caso di specie, l’iniziativa necessita di risorse pubbliche soggette alle forme di controllo previste dalla legge”.

I consiglieri regionali dell’opposizione sottolineano che, “gli improbabili tentativi, con ipotesi di tutele legali, di intimorirci, rispetto ad un diritto sancito dei consiglieri di vigilare sull’amministrazione regionale, non produrranno effetti ed anzi aumentano l’opportunità di chiarire tutti gli aspetti della vicenda”. I gruppi di centro destra e liste civiche chiedono quindi che “la presidente della Regione, Marini chiarisca, nella seduta del prossimo Consiglio regionale del 2 febbraio gli aspetti della vicenda, altrimenti non parteciperemo per protesta alla seduta dell’Aula.

In attesa di chiarimenti alle nostre puntuali domande – concludono -, noi continueremo, doverosamente, ad acquisire materiale utile per fare chiarezza su quanto accaduto nei giorni della fiera in Cina, riservandoci di trasferire ai cittadini, e non solo, adeguate informazioni in nostro possesso”.

Modalità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*