Maxiemergenze sanitarie, M5s, manca in Umbria di un piano regionale

È quanto dichiarano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari

Terremotati, commissario ricostruzione chiede di pagare le tasse, regione Umbria resta in silenzio

Maxiemergenze sanitarie, M5s, manca in Umbria di un piano regionale. “In Umbria manca un piano regionale per la gestione delle maxiemergenze sanitarie e la formazione specifica del personale sanitario”. È quanto dichiarano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, che annunciano la presentazione di un’interrogazione sulla “medicina delle catastrofi”. Liberati e Carbonari denunciano “l’assenza da parte di tutte le strutture ospedaliere umbre di piani di emergenza da massiccio afflusso di feriti e la mancanza di posti medici avanzati e di moduli sanitari regionali.

Questo fa sì che l’Umbria registra grandissimi deficit per la gestione delle maxiemergenze in ambito sanitario, in un momento in cui il territorio nazionale e regionale presenta alti rischi da eventi catastrofici naturali; da incidentalità stradale, ferroviaria ed aerea; da numerosi stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante, con un importante rischio tecnologico; da attentati terroristici anche non convenzionali”.

Per questo Liberati e Carbonari chiedono alla Giunta regionale “di attivare, per quanto di sua competenza, un’efficiente programmazione, colmando il preoccupante e drammatico deficit nell’ambito delle maxiemergenze”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*