Marini Presidente, la Sinistra PD soddisfatta per la lista del Partito Democratico

PERUGIA – Il coordinamento della sinistra PD dell’Umbria in esito alla approvazione della lista PD per le prossime elezioni regionali, esprime la sua soddisfazione perché in tale lista sono stati recepiti in misura adeguata proposte di uomini e donne avanzati dalla sinistra, capaci di portare alla proposta complessiva del PD umbro , un valore aggiunto di competenze, esperienze e sensibilitàà che permettono di arricchire l’insieme. Non sfugge come lo sforzo prodotto sia stato diretto ad enfatizzare il rapporto del PD con il mondo del lavoro,le tematiche del welfare e le esperienze del governo del territorio e come la sinistra del PD abbia con generosità e coerenza perseguito l’obiettivo di un vero rinnovamento della rappresentanza.

La Sinistra PD dell’Umbria ribadisce il rammarico che la maggioranza del partito non abbia saputo con altrettanta linearità e coerenza raccogliere la sfide dell’innovazione e del cambiamento. Esprime con chiarezza il proprio disappunto perché la maggioranza del partito nel ridurre la presenza della Sinistra della lista, non ha accolto la proposta avanzata in coerenza con gli orientamenti espressi dall’Unione Comunale di Spoleto, di riconfermare la candidatura di Giancarlo Cintioli.

La Sinistra del PD nel respingere con forza il tentativo di addossare ad essa la responsabilità di questo fatto, che determina la conseguenza grave, che non solo per Giancarlo Cintioli sono stati applicati criteri diversi da quelli di tutti gli altri consiglieri alla prima legislatura, ma soprattutto che una realtà fondamentale dell’Umbria, quale Spoleto, non abbia alcun rappresentante nella lista del PD e invita la Presidente e la Segreteria regionale coerentemente all’impegno assunto nell’assemblea regionale a porre in campo idonee iniziative per recuperare questo grave errore. La Sinistra del PD dell’Umbria stigmatizza infine il comportamento del segretario provinciale PD Rossi Dante Andrea che invece di operare a tutela di tutto il PD ha pensato bene di contrapporre realtà territoriali ed aree politiche venendo meno al suo compito e alla sua funzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*