Logge di Braccio e cioccolateria, Pd, quali garanzie avrà Perugia?

Intervento a "gamba tesa" di Giacopetti e Tafini del Pd di Perugia

Logge di Braccio riaprono per il weekend
logge-di braccio

Sulle Logge di Braccio, destinate entro l’inizio dell’estate ad ospitare i tavoli di una cioccolateria, si è aperto in città un dibattito articolato e a tratti piuttosto acceso, dal quale non intendiamo sottrarci nel merito. Quello che ci interessa sottolineare è la necessità che la città non venga privata di uno spazio simbolico importante; e fa un po’ ridere, ci si passi la vena polemica, chi con Boccali sindaco promuoveva fiaccolate e proteste contro tutto e oggi siede comodamente silente nella giunta di palazzo dei Priori. Sarebbe, dunque, utile, al di là dei rapporti di natura privatistica e commerciale tra la curia e la società che si occuperà di riqualificare gli spazi e gestire la nuova attività, che l’amministrazione comunale si adoperi per valorizzare la storia è il portato simbolico del luogo e soprattutto per preservarne la fruibilità.

Perché si è diffuso, senza essere smentito, che una volta ultimati i lavori e avviata l’attività non sarà più possibile entrare e fermarsi nelle logge senza consumare. Quali  interventi si stanno facendo e con quale ‘invadenza’?

Quali spazi saranno garantiti agli avventori che non vorranno ‘comprare’? Su questi temi siamo disponibili al confronto e riteniamo importante si diradino i dubbi e sia fatta velocemente chiarezza.

Francesco Maria Giacopetti-segretario PD Perugia
Andrea Tafini-responsabile forum centro storico PD

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*