Liberati, M5S, Bartolini deve rispondere su amianto, invece va Trento

Liberati, M5S, Bartolini deve rispondere su amianto, invece va Trento

Liberati, M5S, Bartolini deve rispondere su amianto, invece va Trento

Trovo davvero sconveniente che Catiuscia Marini stamane abbia ‘impacchettato’ e ‘spedito’ a Trento l’ass. Prof. Antonio Bartolini: oggi la Giunta doveva rispondere al question time e, con Bartolini, dovevamo parlare di amianto. Ben poco rispettose appaiono le motivazioni addotte dall’interessato, a maggior ragione dinanzi ai lavoratori Thyssen Krupp e SGL Carbon, centinaia di persone che attendono da anni – decenni – il ripristino dello stato di diritto in ossequio alla loro salute: stamane, infatti, la Giunta doveva pronunciare parole chiare sulla certificata presenza di amianto presso questi stabilimenti, dichiarando cosa intenda fare per attivare al più presto le maggiorazioni contributive e, financo, lo scivolo in favore delle maestranze effettivamente e lungamente esposte all’eternit.
Possibile che gli elevatissimi tassi di mesotelioma pleurico registrati in loco dallo studio ‘Sentieri’ (ISS), non inducano la maggioranza a muoversi dopo anni di nulla?
Ripugna allo scrivente che, anziché offrire prospettive dignitose ai lavoratori umbri, favorendo pure l’ingresso di personale più giovane, la Giunta Marini abbia voluto prendere ancora tempo, spedendo l’ass. Prof. Bartolini in Trentino soltanto per partecipare a un seminario sulle “App digitali della sanità”, incontro cui poteva eventualmente presenziare qualsiasi medio funzionario regionale: anziché restituire subito diritti socio-economici ai nostri lavoratori, procediamo dunque nel lassismo di sempre. E non basterà un’app quando alcuni di loro saranno ammalati proprio grazie all’inerzia e al cinismo di questa politica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*