Lega Nord, Durc: commercianti ambulanti, tutelare chi rispetta regole

Il consigliere regionale Lega Nord Umbria, Emanuele Fiorini, ha presentato un’interrogazione urgente in Consiglio

Lega Nord, Durc, commercianti ambulanti, tutelare chi rispetta regole

Il consigliere regionale Lega Nord Umbria, Emanuele Fiorini, ha presentato un’interrogazione urgente in Consiglio regionale, chiedendo alla Giunta di intervenire in materia di commercianti ambulanti, al fine di tutelare chi rispetta le regole ed effettuare maggiori controlli per debellare gli irregolari. Da verificare inoltre se, trascorsi 180 giorni dall’entrata in vigore del Testo unico, la Giunta si sia attivata presso Inps, Inail e Anci, per la stipula della convenzione che risulta essenziale per la verifica della regolarità contributiva.

Fiorini, infatti, ha ricordato che, se da una parte le leggi regionali prevedono che le autorizzazioni concernenti l’esercizio delle attività commerciali siano rilasciate dietro presentazione del Durc, dall’altra è altrettanto vero che queste normative non vengono fatte rispettare da tutti gli ambulanti, in modo particolare quelli stranieri.

Il Durc (ovvero il documento unico di regolarità contributiva), attesta l’assolvimento, da parte dell’azienda, degli adempimenti legislativi e contrattuali nei confronti degli enti previdenziali e assicurativi. L’obbligo di presentazione del Durc per ottenere il rilascio o il rinnovo delle autorizzazioni per l’esercizio di commercio su aree pubbliche, costituisce un adempimento che consente di tutelare tutti quei commercianti ambulanti che onestamente svolgono con sacrificio la propria attività, contribuendo allo sviluppo economico del territorio in cui vivono e lavorano. La norma rappresenta, inoltre, un freno per tutti coloro, soprattutto stranieri, che evadono gli obblighi contribuitivi e sfruttano il lavoro a nero, perpetrando una concorrenza sleale nei confronti dei tanti commercianti italiani onesti.

Importante sapere che il Testo unico in materia di commercio “Obbligo di regolarità contributiva” entrato in vigore nel giugno del 2014, stabilisce che la Giunta regionale, entro 180 giorni dall’entrata in vigore, deve stipulare apposita convenzione con Inps, Inail e Anci, al fine di effettuare per via telematica la verifica della regolarità contributiva attraverso l’acquisizione di un elenco delle posizioni regolari e un elenco di quelle irregolari.

Lega Nord, Durc

Per questo la Lega Nord Umbria intende sollecitare la Giunta regionale al fine di stimolare l’attività di controllo sul territorio e il rispetto delle norme. Intendiamo sapere, inoltre, se, ormai trascorsi i 180 giorni dall’entrata in vigore del Testo unico, la Giunta si sia attivata presso Inps, Inail e Anci, per la stipula della convenzione che risulta essenziale per la verifica della regolarità contributiva dei commercianti ambulanti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*