Le vie di Prepo a Perugia? Due mulattiere, dicono Borghesi e Mirabassi, Pd

inserire via Maddoli e via Cicioni nel Piano Programmatico delle Bitumature

Le vie di Prepo a Perugia? Due mulattiere, dicono Borghesi e Mirabassi, Pd

Le vie di Prepo a Perugia? Due mulattiere, dicono Borghesi e Mirabassi, Pd  Presentato questa mattina un ordine del giorno dei consiglieri Borghesi e Mirabassi volto a richiedere maggiore impegno da parte della Giunta comunale per il quartiere di Prepo, come anche sollecitato da molti cittadini che denunciano la poca attenzione per questo quartiere che negli ultimi anni ha avuto un forte sviluppo rendendolo un’area densamente abitata, ed in particolare per le vie Maddoli e Cicioni.

Le due vie, seppur teoricamente destinate alla viabilità interna del quartiere, sono in realtà delle “scorciatoie” che permettono agli automobilisti di bypassare punti molto trafficati delle arterie cittadine. “Crediamo sia opportuno inserire via Maddoli e via Cicioni nel Piano Programmatico delle Bitumature visto l’ammaloramento in cui versa il piano viario, anche in considerazione del volume di traffico da esse sopportato anche in rapporto alla loro conformazione.

Va anche programmato un rapido piano di pulizia di tombini e forazze onde prevenire il rischio di allagamenti dovuti alle forti piogge vista l’intensità delle ultime precipitazioni. Sarebbe anche importante valutare l’inibizione dell’accesso al traffico pesante onde garantire maggior sicurezza e tranquillità ai residenti.

Altra nota dolente per i residenti è l’incuria e l’abbandono in cui versa l’area verde della zona che necessita urgentemente di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria al fine di evitare che il degrado si estenda anche a questa parte della città, va aggiunta la questione rifiuti in particolar modo rappresentato dagli sfalci e dalle potature prevedendo l’installazione di appositi contenitori per la raccolta del verde.”

1 Commento su Le vie di Prepo a Perugia? Due mulattiere, dicono Borghesi e Mirabassi, Pd

  1. La questione è decisamente importante ma dovrebbe investire non solo alcune strade ma la totalità della viabilità urbana ed extraurbana. Il punto è che servono risorse economiche non disponibili ne oggi ne forse nei prossimi anni. Occorre trovare soluzioni, e magari servono idee. Butto là: si potrebbe pretendere che gli enti o società private che compiono lavori sulle reti lungo le strade siano obbligati a rigenerare e non a rappezzare malamente tratti di strada integralmente ?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*